Primo maggio, scontri tra manifestanti e polizia a Istanbul

Corriere TV ESTERI

Nella città turca ad alcuni leader sindacali è stato permesso di deporre ghirlande al Monumento della Repubblica in Piazza Taksim, ma a molti altri è stato impedito di raggiungere la piazza, punto focale per le manifestazioni pubbliche.

(LaPresse) - Decine di manifestantisono stati arrestati a Istanbul durante le manifestazioni del Primo Maggio che erano state vietate dall'attuale lockdown per contenere il coronavirus. (Corriere TV)

Ne parlano anche altre testate

I fermi sono avvenuti principalmente mentre i manifestanti tentavano di raggiungere a piedi piazza Taksim, tradizionale area di protesta, e in altre aree vicine, compresa la popolare Istiklal Avenue. La polizia di Istanbul ha fermato un centinaio di persone che stavano cercando di tenere una manifestazione per il Primo Maggio, nonostante il divieto di assembramenti per il coronavirus. (Ticinonline)

Molti rappresentanti dei sindacati sono stati gettati a terra dalla polizia e arestati nei pressi di piazza Taksim A Istanbul la polizia anti-sommossa e gi agenti in abiti civili si sono scontrati con i manifestanti. (la Repubblica)

I diritti delle donne sono diritti umani e il trattato internazionale della Convenzione di Istanbul salva vite umane! La Turchia ha un problema molto serio con la violenza domestica: secondo l’OMS, almeno il 38% delle donne in Turchia è vittima di violenza domestica. (In Terris)

Primo maggio, Turchia: centinaia di persone fermate per il corteo

Il risultato sono stati focolai di scontri tra poche centinaia di manifestanti e le forze dell'ordine in diversi quartieri attorno la piazza L'accesso alla piazza, come del resto anche negli anni precedenti la pandemia, era stato sbarrato da transenne. (AGI - Agenzia Italia)

La cronaca parla di focolai di scontri tra poche centinaia di manifestanti e le forze dell'ordine in diversi quartieri attorno alla piazza Un corteo che si è trovato davanti transenne e polizia in tenuta anti sommossa. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr