Gip rimossa, scoppia la protesta dei penalisti: “Fatto senza precedenti”

Gip rimossa, scoppia la protesta dei penalisti: “Fatto senza precedenti”
Il Riformista INTERNO

La vicenda ha messo in agitazione i penalisti a livello locale e nazionale che, fatta chiarezza sull’accaduto, hanno deciso di mobilitarsi in massa.

Ora è tutto in mano al giudice Elena Ceriotti, “titolare per tabella del ruolo”, come deciso dal presidente del tribunale di Verbania, Luigi Montefusco.

E allora perché togliere quello sulla tragedia del Mottarone alla Banci Buonamici?

Sarcastico invece il commento dell’onorevole di Azione Enrico Costa: «Alla Gip di Verbania che ha osato rigettare le richieste del PM è stato tolto il fascicolo d’inchiesta. (Il Riformista)

Su altre testate

Sono queste le prime parole che un'operatrice del 118 ha riferito ai carabinieri di Verbania, come riporta Prima Novara. “Al momento so che è caduta la cabina di una funivia ma non so dove”, riferisce un militare a un collega. (Prima Biella)

Giornalista pubblicista segue con interesse i cambiamenti della città e i suoi protagonisti La vicenda del giudice del Tribunale ischitano aveva sollevato l’indignazione di colleghi e avvocati che non ci stavano a far passare gli uffici giudiziari isolani come “maledizione d’Italia”, tanto da proclamare lo stato di agitazione. (Il Riformista)

L'unico sopravvissuto è un bimbo di 5 anni, Eitan, ancora ricoverato a Torino e in via di miglioramento Ma Banci Buonamici entrava in gioco, in teoria, come supporto alla collega Palomba solo per le cosiddette «udienze di smistamento». (Gazzetta del Sud)

Strage del Mottarone: l'audio della prima telefonata del 118 ai carabinieri

“Purtroppo lo sta imparando attraverso la famiglia e gli psicologi, con tutta la delicatezza del caso”, dice la legale ai microfoni della Tgr Piemonte. Sa dei genitori il piccolo Eitan, il bambino di cinque anni unico sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone (Ticinonews.ch)

cronaca. Arriva al Csm il caso della sostituzione in corso d'opera del giudice supplente, Donatella Banci Buonamici, che si occupava dell'inchiesta sul Mottarone. (TG La7)

L’avvocato Cristina Pagni, legale dei familiari del bimbo israeliano, unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone, lo ha detto martedì di fronte agli uffici giudiziari di Verbania. I genitori di Eitan volevano che tornasse in Israele e speriamo che questo si possa realizzare» (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr