Criptovaluta in India: sì, purché statale

Criptovaluta in India: sì, purché statale
HDblog ECONOMIA

E dunque nessuno spazio per tutte le altre soluzioni che attualmente stanno rivoluzionando il mondo finanziario - e il web, nel bene e nel male: niente Bitcoin, niente Ethereum

Viene tuttavia specificato come l'intenzione del Governo indiano sia quella di dare impulso alla criptovaluta, ma non alle criptovalute: in altre parole, moneta digitale sì, purché dello Stato.

Da tempo si parla dei pro e dei contro di un mondo (economico) governato dalla moneta digitale, libera da limiti e da molti considerata la vera voce del mercato libero. (HDblog)

Ne parlano anche altri media

Inoltre, i funzionari del Ministero delle Finanze dell'India stanno considerando di trattare le criptovalute più come materie prime che non come valute Lo stesso disegno di legge è apparso in precedenza nell'agenda del parlamento indiano, ma non ha scaturito alcuna votazione governativa sulla legislazione dedicata agli asset digitali. (Cointelegraph Italia)

Si legge nel comunicato:. “Il disegno di legge cerca anche di vietare tutte le criptovalute private in India. Dopo queste indiscrezioni, i prezzi delle criptovalute sono crollati sugli scambi di criptovalute indiani. (Cryptonomist)

Crollo dei prezzi crypto in India dopo l’annuncio su un nuovo disegno di legge per il settore

Ad inizio anno l’ India sembrava voler seguire l’esempio cinese e vietare tutte le operazioni legate alle criptovalute. Ascolta qui download. Secondo alcune fonti governative dell’India, nella prossima sessione del parlamento che si terrà il 29 novembre sarà presentato un disegno di legge per regolamentare le criptovalute. (Cryptonomist)

L’India è attualmente uno dei più grandi mercati al mondo con oltre 20 milioni di investitori crypto Il crollo del prezzo di Bitcoin su WazirX. (Cointelegraph Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr