Al Zawahiri, una morte con dedica alla funzionaria della Cia Jennifer Matthews

Al Zawahiri, una morte con dedica alla funzionaria della Cia Jennifer Matthews
Corriere della Sera ESTERI

Una dedica speciale per una funzionaria della Cia uccisa mentre dava la caccia al capo terrorista.

Qualcuno ha lasciato una copia dell’articolo che annuncia l’eliminazione di Ayman al Zawahiri sulla tomba di Jennifer Matthews.

Jennifer Matthews, sposata e madre di 3 figli, aveva ottenuto un incarico difficile in «territorio indiano» — alias zona ostile — nonostante avesse passato gran parte della sua carriera come analista

Jennifer Matthews, uccisa a Khost, in Afghanistan, a 45 anni. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre testate

Il fatto che al-Qaeda sia rimasta un’organizzazione sì decentrata, ma anche piramidale, verticistica, fa sì che la morte di al-Zawahiri sia comunque un handicap importante“, prosegue. “L’Isis ha reso questa eredità molto più concreta, puntando al ‘qui ed ora’ e governando per un periodo un territorio molto esteso. (Il Fatto Quotidiano)

Poi, un gran lavoro di osservazione col supporto fondamentale delle immagini satellitari: pare che a tradire al-Zawahiri sia stata la sua abitudine a passare qualche ora sul balcone. Su Twitter sono circolate poche immagini del bersaglio colpito: il balcone, un terrazzo, un alto muro esterno fortificato con del fil di ferro. (Corriere della Sera)

Prima di aprile, le ali della Cia potrebbero aver ascoltato conversazioni telefoniche riservate fra membri di al-Qaeda disattenti alla sicurezza e vicini al leader, carpendo informazioni preziose. Gianandrea Gaiani, direttore di Analisi Difesa, ritiene che gli americani potrebbero essere stati imbeccati pure da Islamabad, in rotta di collisione con i taleban (Avvenire)

Ucciso in un raid leader di al Qaeda al Zawahiri, Biden: "Giustizia è fatta"

Al Zawahiri è stato un ideologo importante, ha avuto un ruolo nell’espansione del jihadismo, per anni è stato un numero due di grande peso. Ad Obama fu mostrato un plastico perfetto della palazzina in Pakistan, una ricostruzione precisa in scala per un’operazione molto rischiosa. (Corriere della Sera)

Non è stato così e Biden lo ha rivendicato davanti all’opinione pubblica mondiale, raccontando di un blitz pianificato da sei mesi. Tuttavia in quelle settimane tumultuose Biden aveva assicurato che il rientro delle truppe non avrebbe compromesso «la sicurezza degli Stati Uniti». (Corriere della Sera)

E a coloro che nel mondo continuano a cercare di danneggiare gli Stati Uniti, ascoltatemi ora - conclude - resteremo sempre vigili e agiremo "Adesso è stata fatta giustizia, questo leader terroristico non c'è più - scandisce il presidente - La gente nel mondo non deve avere più paura di questo leader feroce e determinato. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr