L’asso italiano del tennis deve giocare Wimbledon, ma prima c’è la maturità. Il suo tecnico: “La scuola non aiuta lo sport”

L’asso italiano del tennis deve giocare Wimbledon, ma prima c’è la maturità. Il suo tecnico: “La scuola non aiuta lo sport”
Orizzonte Scuola SPORT

A metà giugno ci sarà il torneo di Wimbledon, sull’erba di Londra, probabilmente l’appuntamento più importante dell’anno.

L’asso italiano del tennis deve giocare Wimbledon, ma prima c’è la maturità.

Per il tennista toscano è un’impresa sfiorata, ma non sarà probabilmente l’ultima gara contro i migliori del mondo.

Il suo tecnico: “La scuola non aiuta lo sport” Di. Lorenzo Musetti, 19 anni, è uno degli astri nascenti dello sport italiano. (Orizzonte Scuola)

Ne parlano anche altre testate

Ha cambiato le mutande e l'inerzia della partita ha girato a suo favore. "Mi sono divertito a perdere i primi due set", dirà col sorriso sulle labbra e lo sbuffo di chi sa di averla scampata. (Fanpage)

Come nel 2020, anche quest’anno al Roland Garros uno spicchio di tabellone ha visto arrivare in fondo due giocatrici inaspettate. Dopo essere diventata la prima rappresentante della sua nazione a raggiungere i quarti in uno Slam in singolare, diventa anche la prima ad arrivare in semifinale. (Ubi Tennis)

Nella National Hockey League (NHL) saranno ancora i New York Islanders a contendere ai Tampa Bay Lightning l’accesso all’atto conclusivo della Stanley Cup. (SuperNews)

Punto da numero uno: Novak Djokovic a segno contro Musetti anche 'da terra'

Dopo essere diventata la prima rappresentante della sua nazione a raggiungere i quarti in uno Slam in singolare, diventa anche la prima ad arrivare in semifinale. È sempre stata lei col passare del tempo a guidare gli scambi, e nel dodicesimo game ha meritatamente messo la testa avanti evitando il tie-break e chiudendo 7-5. (Ubi Tennis)

Decisive, ai fini della terza affermazione inanellata alla PNC Arena di Raleigh dai Tampa Bay Lightning, si rivelano le reti di Brayden Point (25’) e Ross Colton (50’) ma anche i ventinove interventi compiuti da Andrei Vasilevskiy. (SuperNews)

Nel match contro Lorenzo Musetti Novak Djokovic ha ancora una volta dimostrato (e per tanti motivi) perché è il numero uno al mondo. A testimoniare della forza di volontà di Nole c'è stato un punto, ad inizio quinto set, dove il serbo è scivolato ma come una molla si è rialzato ed ha realizzato il punto nonostante un piccolo taglio. (Tennis World Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr