Probabilmente elezioni comunali dopo l’estate. Sala esige comportamenti “non ostili”

Probabilmente elezioni comunali dopo l’estate. Sala esige comportamenti “non ostili”
MilanoPost INTERNO

Sei o sette mesi di tour, sbanchettando qua e là, parlando con i cittadini possono essere anche snervanti.

I sindaci da rinnovare sono preposti ad amministrare città nodali e diversi comuni, tra i quali Roma e Milano, ma anche Napoli, Bologna e Torino.

La notizia non è inaspettata: le elezioni comunali probabilmente slittano in autunno.

Anche questi propositi, caro Sala saranno, è prevedibile, parole vuote

Sarebbe stato incoerente far votare milioni di italiani per il rinnovo degli organismi comunali ma avvalersi del momento pandemico come pretesto per non sciogliere le Camere e rinnovare il parlamento. (MilanoPost)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Relativamente alla Provincia di Frosinone, le grandi manovre per le provinciali sono già iniziate. Nel provvedimento è contenuta una norma che stabilisce come le elezioni provinciali debbano essere convocate nei sessanta giorni successivi alla tornata delle comunali. (ciociariaoggi.it)

Ecco il loro comunicato:. SAN BENEDETTO – “L’Associazione Città Grande del Piceno, fedele ai suoi principi costitutivi che sottolineano l’importanza di ridisegnare la geografia politica ed economica del territorio costiero-collinare attraverso la condivisione e la concertazione della governance dei comuni coinvolti dal progetto, ha avviato un percorso di confronto sui temi concreti, iniziando con il Movimento 5 Stelle – San Benedetto del Tronto, attraverso incontri mirati, in vista delle prossime elezioni amministrative comunali. (Riviera Oggi)

Da quel momento in poi il presidente Antonio Pompeo avrà novanta giorni di tempo per convocare le elezioni. Francesco De Angelis e Antonio Pompeo. (AlessioPorcu.it)

Elezioni comunali, Bergamo sindaco? “In un progetto ampio io ci sono”

Aspettando la data delle comunali, il lavoro dei partiti e liste civiche è già incominciato. Se il centrodestra da tempo ha annunciato che correrà unito, le incognite sono legate al Pd che dice di guardarsi attorno e che tra le sue fila conta l’ex assessore Agnese De Michele. (il Resto del Carlino)

Nel csx invece Bassolino dichiarando la propria candidatura mette in serie difficoltà gli ex amici del PD e di tutta la coalizione che fa riferimento a quell’ area politica. In effetti c’ è grave imbarazzo ad individuare un vero leader che possa garantire una Vittoria netta nel bene di una cittadinanza vittima di una gestione fallimentare della casa Comunale di rara gravità (Appia Polis)

Ma l’ex numero due del Campidoglio non sembra intenzionato a lasciare la politica. "Nell'ottica di un progetto ampio, con cento persone che si mettono a disposizione, come dice Rutelli, sarei tra queste, con orgoglio per quanto fatto” ha chiarito l’ex numero due del Campidoglio. (RomaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr