Videogiochi, nuovo decreto: credito fiscale del 25% per i titoli con "valore culturale"

DR COMMODORE ECONOMIA

In questo solco s’inserisce la recente firma del decreto attuativo Tax Credit, che sancisce un credito fiscale del 25% sulla produzione dei videogiochi.

I ministri della Cultura e dell’Economia firmano il decreto che sancisce un credito fiscale del 25% per determinati videogiochi italiani. L’Italia, intenta timidamente a lasciarsi alle spalle la pandemia, sembra stia cercando di uscire anche dal torpore in cui versa da decenni nell’ambito della tecnologia. (DR COMMODORE)

Su altri giornali

Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della visita al Capitolium, a Brescia, dove è custodita la Vittoria alata, uno dei simboli della città. “E’ importante sottolineare lo stretto legame che intercorre tra cultura e ripresa nel nostro Paese. (LaPresse)

Il beneficio, inoltre, spetta a condizione che un importo non inferiore al credito d’imposta riconosciuto sia speso nello spazio economico europeo. Il credito d’imposta e le altre misure di sostegno pubblico non possono superare, complessivamente, la misura del 50% del costo eleggibile del videogioco (ArtsLife)

"I Videogiochi sono frutto dell'ingegno creativo ed è giusto che, analogamente a quanto avviene per il cinema e l'audiovisivo, possano ricevere un sostegno, se riconosciuti come opere di particolare valore culturale. (Zazoom Blog)

25% di credito d’imposta per le imprese di produzione di videogiochi. Un’importante novità relativa al mondo dei videogiochi in Italia è arrivata direttamente dal Ministero della Cultura. I videogiochi sono frutto dell’ingegno creativo ed è giusto che, analogamente a quanto avviene per il cinema e l’audiovisivo, possano ricevere un sostegno, se riconosciuti come opere di particolare valore culturale. (NintendOn)

“I videogiochi sono frutto dell’ingegno creativo – ha dichiarato il ministro Franceschini al momento della firma – ed è giusto che, analogamente a quanto avviene per il cinema e l’audiovisivo, possano ricevere un sostegno, se riconosciuti come opere di particolare valore culturale. (Sardegnagol - la testata delle politiche giovanili in Sardegna)

Di certo il futuro prossimo del nostro Paese passerà anche per il mondo della cultura, dell’arte e dello spettacolo. “La cultura darà un grande contributo alla ripartenza del Paese - queste le parole del Ministro della Cultura, Dario Franceschini - Il Recovery Plan introduce risorse fondamentali che dimostrano come la cultura sia al centro delle scelte di questo governo. (Umbria Notizie Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr