Vivo a New York e prendo la pensione dagli Usa. I dieci anni di contributi italiani sono perduti?

La Repubblica ECONOMIA

Vivo a New York e prendo la pensione dagli Usa.

Gli anni lavorativi sono dal 1980 al 1988

a cura di Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Gentile esperto,. vivo e lavoro a New York da molti anni.

In questa nazione percepisco già la pensione del Social Security americano.

In Italia ho maturato 10 anni lavorativi in cui è compreso il periodo del servizio che ho prestato nella Marina Militare (18 mesi). (La Repubblica)

Ne parlano anche altri giornali

extra ordinem. L'Istituto spiega che al di fuori delle suddette ipotesi legalmente disciplinate non accoglierà più richieste di trattenute su pensioni o pagamenti disgiunti a favore di più beneficiari (cd. (Pensioni Oggi)

A livello economico la differenza sarebbe davvero lieve e l’unico vantaggio, in questo caso, sarebbe di non avere il divieto di cumulo tra redditi di pensione e da lavoro imposto dalla quota 100 di anzianità contributiva, vorrei sapere quando potrò formulare la domanda di pensione, per terminare la mia carriera lavorativa il 31 agosto 2022. (Orizzonte Scuola)

Anche ad ottobre, in virtù dell’Ordinanza n.787/2021, i pensionati che riscuotono il rateo presso le Poste Italiane, potranno farlo anticipatamente. Come ogni mese puntualmente l’INPS rende accessibile online il cedolino della pensione, documento che consente ai pensionati di verificare gli importi e le eventuali variazioni. (Proiezioni di Borsa)

Tali requisiti sono: anzianità contributiva pari ad almeno 38 anni e un’età anagrafica di almeno 62 anni. La legge dice, infatti, che per avere diritto a quota 100 bisogna aver maturato i requisiti necessari al 31 dicembre 2021. (InvestireOggi.it)

Il provvedimento è al vaglio del governo. In pensione a 62 anni, si allarga la platea. In pensione a 62 anni, si allarga la platea. L’obiettivo del Governo è quindi quello di archiviare Quota 100 e contemporaneamente, per evitare la rivolta, soprattutto elettorale, dei futuri pensionati, di consentire a più lavoratori di andare in pensione in anticipo grazie alla cosiddetta Ape sociale. (il Caudino)

Sulla scorsa mensilità di settembre 2021 è stato pertanto disposto il pagamento dell’assegno sostitutivo dell’accompagnatore militare riferito sia al mese di settembre che agli arretrati relativi al periodo 1 gennaio 2021 – 31 agosto 2021 La maggiorazione sarà corrisposta, se dovuta, anche sulla mensilità del mese di ottobre 2021. (Pensioni Per Tutti)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr