Londra, occupata l'ambasciata birmana

Per saperne di più:
RSI.ch Informazione ESTERI

L'ha reso noto nella notte l'Associazione per l'assistenza ai prigionieri politici, basata in Thailandia

Mercoledì sono state uccise altre 12 persone.

Intanto continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime della violenta repressione delle proteste.

I morti dall'inizio della rivolta ormai sono quasi 600 e oltre 2'800 le persone incarcerate.

La sede diplomatica del Myanmar a Londra è stata occupata dai soldati birmani. (RSI.ch Informazione)

Ne parlano anche altre testate

Zaw Min Tun ha riferito alla Cnn che la giunta aveva «prove concrete» che le elezioni erano state truccate, ma non ha voluto mostrarle ai giornalisti. Così, il maggiore Zaw Min Tun, in un’intervista rilasciata alla Cnn, ha parlato della situazione in Myanmar negando che la giunta abbia preso il potere con un colpo di Stato. (Open)

Lo ha detto oggi Nigel Adams, viceministro degli Esteri britannico delegato all'Asia, dopo aver ricevuto lo stesso ex ambasciatore al Foreign Office, formalizzando di fatto il via libera alla concessione dell'asilo all'alto funzionario birmano già preannunciata dalla reazione indignata del governo di Boris Johnson di fronte all'accaduto. (RagusaNews)

Il telegrafo Secondo Kyaw, i visitatori di Min hanno detto: “Hanno detto di aver ricevuto un ordine dalla capitale, quindi non mi hanno lasciato entrare”. In Myanmar, molte persone in tutto il paese sono scese in piazza per settimane per protestare contro il colpo di stato dei generali all’inizio di febbraio. (Calcio .video)

Birmania: Gb pronta a offrire asilo a ambasciatore sfrattato

Due mesi fa i militari hanno fatto un colpo di stato a Myanmar e ora lo hanno rifatto nel centro di Londra. E ora anche per dimostrare solidarietà all'ambasciatore, che parla con la stampa, tra cui Repubblica, prima di recarsi al Foreign Office. (La Repubblica)

Lo riporta l’agenzia di stampa Khit Thit Media. Secondo l’associazione per l’assistenza ai prigionieri politici, sono quasi 600 i morti, e migliaia le persone arrestate, dalla presa del potere da parte dei militari (LaPresse)

Il viceministro ha poi ribadito le accuse di “bullismo” rivolte alla giunta militare birmana per il trattamento inflitto all’ormai ex ambasciatore e ha rinnovato la denuncia del “colpo di Stato” in Myanmar e delle repressioni che ne sono seguite, oltre all’appello “a un rapido ripristino della democrazia” – Il Regno Unito è pronto a offrire protezione e asilo a Kyaw Zwar Minn, silurato l’altro ieri brutalmente dalla carica di ambasciatore del Myanmar a Londra per aver preso le distanze il mese scorso dal golpe militare compiuto nel suo Paese e letteralmente sfrattato dalla sede diplomatica. (Icona News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr