Il Regno Unito verso l'eliminazione del pass vaccinale

Il Regno Unito verso l'eliminazione del pass vaccinale
Altri dettagli:
Corriere del Ticino ESTERI

È quanto si legge sui media del Regno Unito, secondo cui il ministro della Sanità, Sajid Javid avrebbe condiviso una forte insofferenza nei confronti del certificato già espressa da molti deputati conservatori, in particolare il centinaio che aveva votato contro la sua introduzione alla Camera dei Comuni (approvata solo grazie ai voti dell’opposizione Labour), in un segno di aperta ribellione al premier Boris Johnson

Il governo britannico va verso l’eliminazione del pass vaccinale in Inghilterra, introdotto un mese fa solo per gli ingressi alle discoteche e agli eventi di massa. (Corriere del Ticino)

Ne parlano anche altre fonti

Nel Regno Unito, infatti, il Green Pass non è mai stato introdotto per entrare in ristorati, bar, cinema o teatri e non si è mai pensato neppure di renderlo obbligatorio sui luoghi di lavoro come accaduto in Italia. (StrettoWeb)

Green Pass, il Regno Unito verso l’eliminazione del certificato Di. Il governo britannico va verso l’eliminazione del green pass in Inghilterra, introdotto un mese fa solo per gli ingressi alle discoteche e agli eventi di massa. (Orizzonte Scuola)

È il consiglio che il quotidiano conservatore Spectator dà ai suoi lettori sul Green pass all’inglese. Il certificato vaccinale, introdotto prima di Natale e necessario per accedere a discoteche ed eventi, dovrebbe essere abolito dal 26 gennaio, quando il governo si riunirà per discutere le misure anti-Covid. (Open)

Omicron, Londra svolta: basta green pass e smart working a partire dal 26 gennaio

Così resterebbe solo l’obbligo di mascherine per i luoghi al chiuso, visto che all'aperto in Gran Bretagna non è mai stata obbligatoria. Si pensa anche di abbandonare l’indicazione allo smart working, altra misure prevista dal piano B. (L'Unione Sarda.it)

Di fronte all'impennata di contagi da Covid, e alle curve che seguono traiettorie simili ma sfalsate nell'arco delle settimane, l'Europa si attrezza in modo diverso per rispondere all'attuale fase della pandemia. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr