Istat, ad agosto l'inflazione sale al 2%: record dal 2013

Istat, ad agosto l'inflazione sale al 2%: record dal 2013
Rai News ECONOMIA

L''inflazione di fondo', al netto degli energetici e degli alimentari freschi, rimane stabile a +0,6%, mentre quella al netto dei soli beni energetici accelera lievemente da +0,4% di luglio a +0,5%.

L'aumento congiunturale dell'indice generale è dovuto da una parte a fattori stagionali che influenzano la crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,8%) e dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona(+0,7%) e dall'altra ai prezzi dei beni energetici non regolamentati (+1,7%) e degli alimentari non lavorati (+0,4%). (Rai News)

Se ne è parlato anche su altri media

"La Bce sta monitorando da vicino l'andamento dell'IPC", ha detto de Cos, "ma non stiamo vedendo alcun impatto di secondo livello" Di Alessandro Albano. Investing.com - L' al consumo italiana resta ai massimi pluriennali nonostante la revisione dell'Istat dello 0,1% in meno rispetto alle stime preliminari. (Investing.com)

L’inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,7% per l’indice generale e a +0,9% per la componente di fondo. “Ad agosto l’inflazione continua ad accelerare, portandosi a un livello che non si registrava da gennaio 2013 (quando fu +2,2%), a causa per lo più dei prezzi dei Beni energetici che continuano a registrare una crescita molto ampia sia per la componente regolamentata sia per quella non regolamentata – commenta l’Istat -. (ciociariaoggi.it)

Scendono le spese per l’istruzione: -3,7 ad agosto su anno, un calo che si era verificato anche a luglio. La causa principale è la corsa dei prezzi dei beni energetici (da +18,6% di luglio a +19,8%). (Corriere della Sera)

Italia: inflazione al 2% su base annuale

L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,7% per l'indice generale e a +0,9% per la componente di fondo. Le stime preliminari erano per un aumento congiunturale dello 0,5% e tendenziale del 2,1%. (ilmessaggero.it)

"L'aumento del 2% si traduce in una maggior spesa annua pari a 614 euro per la famiglia tipo È il livello più alto dal +2,2% del gennaio 2013. (Milano Finanza)

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo ha rilevato un +0,2 mensile e un +2,5% annuale, entrambi in crescita ma al di sotto delle attese. L’indice dei prezzi al consumo su base annuale ha messo a segno un aumento del 2%, rispetto al precedente 1,9% e a stime di 2,1%. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr