Green Pass, verso il decreto: obbligo per bar e ristoranti al chiuso. Stato di emergenza prolungato al 31 dicembre

Green Pass, verso il decreto: obbligo per bar e ristoranti al chiuso. Stato di emergenza prolungato al 31 dicembre
la VOCE del TRENTINO SALUTE

All’aperto però non sarà necessario possedere il certificato; solo nel caso in cui si voglia sedersi ai tavoli oppure stare al chiuso.

Non servirà nemmeno all’aperto.

Pubblicità Pubblicità. Lo stato di emergenza, in scadenza il 31 luglio, sarà prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Si va dunque verso il nuovo decreto che prevede il triplice passaggio da cabina di regia a conferenza Stato Regioni e consiglio dei ministri

Dal 5 agosto, se il provvedimento passerà anche in parlamento, il pass sarà obbligatorio anche ai tavoli di bar e ristoranti al chiuso. (la VOCE del TRENTINO)

Ne parlano anche altri media

Il certificato può essere scaricato dal sito ufficiale del governo oppure tramite l’app Immuni Il green pass si ottiene dopo la somministrazione della prima dose, oppure con un tampone con esito negativo effettuato nell’arco di 48 ore. (TRM Radiotelevisione del Mezzogiorno)

Non servirà nemmeno all’aperto. Si va dunque verso il nuovo decreto che prevede il triplice passaggio da cabina di regia a conferenza Stato Regioni e consiglio dei ministri (La Voce di Bolzano)

«Non è un arbitrio ma la condizione necessaria per tenere le attività economiche aperte. Lo stato di emergenza è intanto prorogato al 31 dicembre.«Oltre 40 milioni le certificazioni verdi scaricate in poche settimane dagli italiani, un numero importante» ha puntualizzato Speranza. (GiovinazzoViva)

Green pass, Fipe insorge: «Sono sempre bar e ristoranti a pagare il conto»

Sono invece esclusi dall’utilizzo del green pass i centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione. Obbligo di green pass. Per tutte le persone dai 12 anni in su, i green pass diventerà uno strumento essenziale per partecipare a molte attività nei luoghi pubblici. (Buongiorno Slovacchia)

La Confesercenti punta il dito sulle misure introdotte col green pass. "Sono incomprensibili l’estensione dell’obbligo a fiere e sagre all’aperto e la mancata riapertura delle. Un provvedimento che rischia di essere "punitivo per i gestori di bar e ristoranti", e piene di "incongruenze". (il Resto del Carlino)

Ferrarese chiude lanciando un appello: «L’utilizzo del Green pass deve essere esteso, solo in questo modo il provvedimento diventerà propositivo e non punitivo Perché diventa obbligatorio il “passaporto verde” per sedersi all’’interno di bar e ristoranti mentre sui mezzi pubblici, vera fonte di contagi, non è richiesto? (InformazioneOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr