Auto elettrica prende fuoco: ecco cosa è successo

Tecno Android ECONOMIA

Andando a vedere la situazione nel dettaglio, sembra che un’auto elettrica (Charey Arrizo), abbia preso fuoco da sola.

A quanto pare, il video è ancora interdetto alla visione da alcuni Paesi e appena sarà reso disponibile ve lo diremo.

Auto elettrica: l’esplosione poteva costare la vita ad una persona. Il tutto è cambiato con l’arrivo dei vigili del fuoco: un passeggero era ancora all’interno del veicolo e appena è uscito dallo stesso per andare a fare due passi, l’auto elettrica è esplosa. (Tecno Android)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Morale: per le due ricariche dell’auto elettrica, i caricatori fissi sono AC se non integrano il convertitore; sono DC se invece ne sono dotati. Risultato: l’energia elettrica può essere trasformata almeno due volte prima di essere utilizzata per la trazione. (ClubAlfa.it)

Hyundai richiamerà 82.000 auto elettriche in tutto il mondo per sostituire le batterie dopo 15 segnalazioni di incendi che hanno coinvolto i veicoli. Il richiamo costerà Hyundai 1 trilione di won coreani o 900 milioni di dollari (739 milioni di euro circa). (Massa Critica)

Ricarica ad alta potenza: in quali zone. Aree di servizio di strade ad alto scorrimento o autostrade Stazioni ricarica auto elettriche: dove piazzare le standard. (ClubAlfa.it)

Secondo un nuovo rapporto Huawei starebbe pianificato proprio questo, lanciare una serie di auto elettriche. Huawei avrebbe già iniziato a creare dei bozzetti per l’interno dei veicoli e si è messa anche a parlare con potenziali fornitori. (Tecno Android)

Oggigiorno la domanda di veicoli elettrici è aumentata a dismisura. Mentre le sanzioni statunitensi hanno avuto un effetto negativo sulla società, Huawei continua a indagare in nuove aree di sviluppo dove investire (Telefonino.net)

Caricatori per impianti pubblici di questo genere hanno un costo che si aggira attorno ai 5 mila euro. Presa Modo per auto elettriche: alla larga dal surriscaldamento. (ClubAlfa.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr