Medicine anti-Covid non autorizzate: sequestrati 6mila farmaci cinesi a Torino

Medicine anti-Covid non autorizzate: sequestrati 6mila farmaci cinesi a Torino
ilmessaggero.it INTERNO

Forti. VACCINI Vaccino e pillola anticoncezionale, ginecologi: «Non.

I carabinieri del Nas di Torino ne hanno sequestrate oltre seimila che non erano autorizzazione da Aifa ed Ema.

Ad autorizzarle la Procura della Repubblica di Firenze, nell'ambito di un'attività di contrasto al commercio illecito di farmaci

LA RICERCA Vaccino low cost in arrivo dall'America, primi test sull'uomo. COVID Vaccinati 10 milioni di italiani (ma immune solo il 5%). (ilmessaggero.it)

Su altre testate

Erano privi delle necessarie autorizzazioni di Aifa ed Ema. Le quasi 6.200 confezioni sequestrate avrebbero fruttato profitti indebiti stimati in oltre 60 mila euro, oltre al potenziale rischio per la salute dovuti all'assunzione di prodotti senza la doverosa valutazione delle Autorità e delle corrette modalità di produzione e conservazione (Rai News)

Secondo chi protesta la Cina ha appoggiato il golpe dello scorso febbraio. (LaPresse) Decine di manifestanti contro il colpo di stato hanno marciato a Yangon, bruciando la bandiera della Cina, chiedendo il boicottaggio dei prodotti di fabbricazione cinese e denunciando il sostegno della Cina al golpe di febbraio da parte dell’esercito del Myanmar, che ha estromesso la leader Aung San Suu Kyi. (LaPresse)

Oltre seimila medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Le indagini erano partite lo scorso gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all'interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. (Video - La Stampa)

Farmaci cinesi venduti come anti-Covid: sequestrate 6mila confezioni, avrebbero fruttato 60mila euro

Oltre seimila medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Le indagini dei carabinieri del Nas di Torino sono scattate lo scorso gennaio, con il ritrovamento nel centro del capoluogo piemontese di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari (https://ilcorriere.net/)

I militari del NAS procedevano inoltre al sequestro amministrativo di 179 confezioni di cosmetici e 445 confezioni di prodotti, tutti a base di CBD, in vari formati. A completamento delle attività di controllo il NAS di Milano ha avviato altresì le procedure per l’inibizione all’accesso del sito web rumeno da parte degli utenti sul territorio nazionale. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Le indagini sono partite lo scorso gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr