Assegno familiare Inps: domanda dal 1° luglio. Come funziona, a chi spetta, chi lo paga, importi e durata

Assegno familiare Inps: domanda dal 1° luglio. Come funziona, a chi spetta, chi lo paga, importi e durata
Gazzetta del Sud INTERNO

L’importo dell’assegno è calcolato in base alla tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo.

Assegno familiare Inps: NoiPa ha fornito le istruzioni e il modello di domanda per i dipendenti pubblici che vogliono fare richiesta per gli assegni al nucleo familiare (Anf) a partire dallo scorso prossimo 1° luglio 2021.

Il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da lavoro dipendente e assimilato

Il riconoscimento e la determinazione dell’importo dell’assegno avvengono tenendo conto della tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo stesso. (Gazzetta del Sud)

Ne parlano anche altri media

Ieri i ministri dell’agricoltura e della pesca dell’UE hanno raggiunto un accordo politico sui totali ammissibili di catture (TAC) e sulle quote per Stato membro del prossimo anno per i dieci stock ittici commercialmente più importanti del Mar Baltico. (pesceinrete.com)

Pubblicità. Dal 1 gennaio del 2022 dovrebbero essere adeguati gli assegni all’inflazione per evitare la perdita di potere d’acquisto dei pensionati, anche se non è ancora stata definita la procedura. Nel 2022 l’aumento nel cedolino da marzo-aprile dipenderà dal metodo che il governo deciderà di seguire per la perequazione. (Silenzi e Falsità)

Alcuni stock del Baltico sono ancora in crisi mentre l’UE inizia a considerare gli impatti sull’ecosistema

L’Assegno unico per i figli dovrebbe entrare a regime il 1° gennaio. È stato annunciato come una svolta epocale nel sistema italiano di sostegno alle famiglie con figli, non solo perché unifica l’insieme di trasferimenti frammentati attualmente in vigore, ma perché, tramite una cospicua iniezione di fondi aggiuntivi, dovrebbe essere (La Stampa)

“Le scorte di merluzzo del Baltico sono già finite; uno stock di aringhe è andato, mentre un altro è vicino al crollo. L’attività di pesca deve cessare di esacerbare la crisi ecologica e diventare parte della soluzione sanitaria a lungo termine per il Mar Baltico (pesceinrete.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr