Il fondatore di iFixit duro contro Apple sul diritto alla riparazione - iPhone Italia

Il fondatore di iFixit duro contro Apple sul diritto alla riparazione - iPhone Italia
iPhone Italia SCIENZA E TECNOLOGIA

Di questa parte esiste una versione standard e poi una versione Apple leggermente modificata, ma ottimizzata per funzionare in questo computer.

In queste ultime settimane è tornato caldo il dibattito sul diritto alla riparazione, culminato in USA con un ordine esecutivo firmato dal presidente Biden.

Ricordiamo che Apple da tempo ha attivato un programma dedicato a centri di riparazione indipendenti, un programma con requisiti molto stringenti

Sulla questione si è espresso anche Kyle Viens, fondatore e CEO di iFixit, con un intervento decisamente duro nei confronti di Apple e non solo. (iPhone Italia)

Su altre testate

Ad esporsi in merito è stato Kyle Wiens, CEO di iFixit, che non ha mancato di puntare il dito verso aziende specifiche. Gli americani vogliono che le aziende migliorino questo aspetto e non poteva certo mancare la voce di iFixit in questa discussione. (GizChina.it )

C’è un produttore tedesco di batterie chiamato Varta che vende batterie a un gran numero di aziende. Samsung usa queste batterie nei suoi auricolari Galaxy … ma quando noi andiamo da Varta e chiediamo se possiamo comprare quel pezzo per una riparazione, ci dicono ‘No, il nostro contratto con Samsung non ci permette di venderlo‘. (SmartWorld)

iFixit accusa Samsung, Apple e Microsoft di ostacolare le riparazioni

Parlando di Samsung, ha detto: “C'è un produttore tedesco di batterie chiamato Varta che vende batterie a una grande varietà di aziende. Stiamo assistendo a questo comportamento sempre più spesso.”. iFixit bastona Samsung: "Aveva promesso dispositivi riparabili, riutilizzabili e aperti. (DDay.it - Digital Day)

Durante una conferenza presso la Productivity Commission, il CEO di iFixit ha accusato alcuni colossi della tecnologia di ostacolare il diritto alla riparazione dei dispositivi. Inoltre, secondo Wiens, le suddette multinazionali stipulerebbero dei contratti di esclusiva con i produttori di componenti, che impediscono la vendita di alcuni pezzi di ricambio ad aziende terze. (Telefonino.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr