Ruffini: «Registri Iva e comunicazioni Lipe precompilati per le operazioni dal 1° luglio»

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Lo ha precisato il direttore dell’agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, in audizione alla Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria.

Per le operazioni effettuate dal 1° luglio 2021, invece, partirà su un primo gruppo di contribuenti la predisposizione dei registri Iva.

«Nell’ambito della semplificazione dei servizi, a partire dalle operazioni effettuate dal primo luglio 2021, saranno messe

Slitta la dichiarazione Iva precompilata, come già previsto dal decreto Sostegni. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altri giornali

“Questi dati sono richiesti nelle dichiarazioni fiscali in quanto non recuperabili dalle basi dati a disposizione dell’Agenzia” ha aggiunto. (QuiFinanza)

"In italia esistono 800 leggi tributarie che si sono stratificate nel tempo - ha spiegato Ruffini - ognuna di queste 800 leggi ha bisogno di una interpretazione e di una applicazione operativa. Ora con la riforma fiscale il Parlamento ha la possibilità di fare piazza pulita e di rendere il sistema più semplice, sia per i contribuenti sia per il fisco". (AGI - Agenzia Italia)

Dal 1° luglio, saranno messe a disposizione, sul portale fatture e corrispettivi, le bozze dei documenti precompilati Iva, ossia i registri delle fatture emesse e degli acquisti e le comunicazioni delle liquidazioni periodiche Iva. (Italia Oggi)

“Abbiamo circa 800 norme tributarie, e quindi servono 800 spiegazioni, circolari di attuazione, declinazioni, da qui. Così il direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini in commissione Anagrafe Tributaria sottolineando che la riforma fiscale è un’occasione anche per “far pulizia dell’eccessiva normazione”. (L'HuffPost)

Questi dati sono richiesti nelle dichiarazioni fiscali in quanto non recuperabili dalle basi dati a disposizione dell'Agenzia". Se le bozze sono complete, il contribuente puo' convalidare i registri e con tale operazione non sara' obbligato alla tenuta dei registri Iva mensili convalidati, che saranno memorizzati dall'Agenzia". (Italia Oggi)

Questa montagna di leggi, ha spiegato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, durante l’audizione in videoconferenza alla commissione di vigilanza sull’anagrafe tributaria, richiede ovviamente il corrispettivo di «800 spiegazioni, circolari di attuazione, declinazioni». (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr