Zona arancione: la situazione di Toscana, Umbria e Liguria, chi può rischiare - La Nazione

Zona arancione: la situazione di Toscana, Umbria e Liguria, chi può rischiare - La Nazione
LA NAZIONE INTERNO

Attualmente il tasso di saturazione delle rianimazioni è infatti al 18%, cosa che porrebbe la regione in una virtuale zona gialla

Firenze, 13 gennaio 2022 - Quanto rischiano la zona arancione Toscana, Umbria e Liguria.

Numeri da zona arancione in Umbria per quanto riguarda i ricoveri ordinari.

Per la zona gialla serve superare il limite del 10% delle terapie intensive e del 20% dei reparti ordinari. (LA NAZIONE)

Su altri giornali

Calabria e Piemonte sono a zero posti disponibili in intensive e in area medica, Liguria a zero in area medica e un posto in intensiva, Sicilia a zero in area medica e quattro in intensiva. In forte crescita sono anche i casi attualmente positivi: sono 2.134.139 rispetto a 1.265.297 della settimana precedente, pari a +68,7%. (Calabria 7)

ZONA ARANCIONE: ECCO REGOLE E RESTRIZIONI. Il passaggio dalla zona gialla alla zona arancione è sostanzialmente indolore per chi possiede il super green pass, vale a dire per i cittadini vaccinati o guariti dal Covid. (FIRSTonline)

Molte Regioni rischiano la zona arancione: le regole Covid da rispettare e le attività consentite o vietate ai non vaccinati e con Super Green Pass. Gli sport di contatti svolti all’esterno, consentiti anche senza alcun tipo di Green Pass in zona bianca e gialla, vengono limitati a chi è vaccinato o guarito dal Covid in zona arancione. (PMI.it)

Zona arancione, 3 Regioni verso il cambio. I governatori: «Cambi il bollettino». Stop dall'Iss: sorveglianza d

La situazione attuale in Italia. Per il momento, nessuna Regione è in zona arancione: sono 15 i territori in zona gialla mentre resistono ancora in zona bianca Sardegna, Basilicata, Umbria, Puglia, Molise e Campania Covid, Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Calabria a rischio zona arancione dal 17 gennaio. (Scuolainforma)

L'enorme quantità di casi - 1,2 milioni in 7 giorni - «incontrando una popolazione suscettibile troppo numerosa, sta progressivamente saturando gli ospedali. Iss: sorveglianza deve includere tutti i positivi. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr