Coronavirus: vaccinazioni dal medico di base

Coronavirus: vaccinazioni dal medico di base
Ultim'ora News SALUTE

Una parte, però, dovrà magari effettuarle in luoghi individuati dalle Asl poiché non tutti gli studi medici sono adeguati.

«A questo punto è dunque importante che tutte le Regioni firmino accordi territoriali sulla base dell’intesa nazionale

Governo e Regioni hanno più volte parlato nei loro incontri della possibilità di rendere più capillare la campagna vaccinale contro il Coronavirus.

Secondo Scotti i medici di base sono già pronti a vaccinare la popolazione, la cosa essenziale che gli vengano fornite le dosi di siero necessarie per portare avanti una campagna vaccinale nei propri studi medici. (Ultim'ora News)

Su altri media

Pertanto, l’assegnazione ai mmg (medici di medicina generale, ndr) delle vaccinazioni anti Covid-19 rende necessario un finanziamento aggiuntivo ad integrazione del fondo sanitario nazionale. Il finanziamento sarà progressivamente definito sulla base dell’andamento della campagna vaccinale e degli obiettivi e dei target assegnati ai medici di base (RavennaToday)

«I vaccini che abbiamo a disposizione - dice Lopalco - sono ancora purtroppo pochi, speriamo che nelle prossime settimane si possa aumentare il flusso dei vaccini in arrivo. Sono 6.500 circa gli anziani over 80 vaccinati oggi, primo giorno della 'fase 2' della campagna in Puglia. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Vaccino anti-Covid anche dal medico di famiglia. Lo prevede un accordo integrativo recepito dalla Giunta regionale. Anche i medici di famiglia della Valle d’Aosta parteciperanno alla campagna di vaccinazione di massa anti Covid-19. (gazzettamatin.com)

Vaccino Covid, Statale Milano ha nuovo siero/ 'Né a Dna né adenovirus, è innovativo'

E in questo senso vanno le aperture che verranno presto fatte in termini di raccomandazioni da parte del ministero della Salute“. Rezza: “Serve flessibilità. (Orizzonte Scuola)

Da domani 23 febbraio gli operatori scolastici di Parma e provincia possono rivolgersi al proprio medico di medicina generale per chiedere la prenotazione della vaccinazione anti covid-19. (La Repubblica)

Si tratta di qualcosa di innovativo, perché non è un vaccino a Dna, come quelli di Pfizer e Moderna, né usa l’adenovirus, come nel caso di AstraZeneca e Sputnik V. Lo annuncia Gianvincenzo Zuccotti, preside della facoltà di Medicina, rivelando a Repubblica che stanno per depositare il brevetto per il vaccino. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr