Musk intima ai dipendenti di Tesla di tornare in ufficio, ma mancano le scrivanie

Lega Nerd ECONOMIA

Ora che Tesla ha ordinato a tutti di tornare in ufficio, le sedi dell’azienda non sono in grado di ospitare così tante persone – con tutti i disagi che questo comporta

Ad inizio del mese Elon Musk ha inviato una email dai toni estremamente duri ai manager di Tesla.

La pandemia e la necessità di mandare molti lavoratori in smart working hanno continuamente posticipato i lavori per espandere gli uffici di Tesla. (Lega Nerd)

La notizia riportata su altri giornali

Parliamo nello specifico di informazioni inizialmente riportare sulle pagine di Bloomberg, e in seguito confermate anche da TechCrunch, con il tutto che è avvenuto per quel che concerne gli uffici della compagnia a San Mateo, in California, dove i dipendenti stavano lavorando al software di Autopilot, in alcuni specifici casi per quel che concerne l'intelligenza artificiale. (Automoto.it)

Via 200 dipendenti Tesla al lavoro su Autopilot. La stessa fonte ha reso nota la chiusura di un ufficio situato a San Mateo, in California. L’ultimo post risale al 21 giugno, oltre una settimana fa, un periodo insolitamente lungo per un utente tanto prolifico seguito da oltre 100 milioni di follower (Punto Informatico)

Elon Musk minaccia di licenziare chi lavora da casa, ma negli uffici Tesla non ci sono abbastanza scrivanie Chi ha fatto ritorno agli uffici di Tesla, ha detto di aver trovato difficoltà a trovare parcheggio, se non addirittura una scrivania su cui lavorare. (Fanpage.it)

Accertamento sanitario e Legge 104, guida alla procedura. L’iter inizia con il medico curante che rilascia un certificato introduttivo completo di precise indicazioni che vale 90 giorni L’accertamento sanitario è necessario per poter ottenere la certificazione che attesta il diritto ad avere la titolarità della Legge 104. (InformazioneOggi.it)

La richiesta per la 104 può essere effettuata dalla persona con una disabilità grave oppure dal familiare che lo assiste La legge 104 è la legge di riferimento per i soggetti che si trovano in condizione di disabilità e per i familiari che si occupano di loro. (InformazioneOggi.it)

Secondo i diretti interessati, parte del personale in uscita, composto sia da salariati sia da precari, potrebbe essere rimpiazzato con forza lavoro a più basso costo. Nei mesi scorsi, infatti, l’azienda aveva creato nuovi team sui dati dell’Autopilot a Buffalo e New York, addestrati, peraltro, anche da alcuni dipendenti di San Mateo. (Quattroruote)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr