Effetti collaterali al vaccino Astrazeneca, prof e bidelli a letto con febbre alta

Effetti collaterali al vaccino Astrazeneca, prof e bidelli a letto con febbre alta
Corriere Delle Alpi ECONOMIA

BELLUNO. Una ventina di prof a letto con febbre alta (anche a 39°), dolori alle ossa e mal di testa.

«La maggior parte delle reazioni avverse si risolve entro 2-3 giorni dalla vaccinazione», sottolineano dall'Usl 1.

«La maggior parte delle reazioni avverse si risolve entro 2-3 giorni dalla vaccinazione», proseguono dall’azienda sanitaria.

Finora in provincia 110 reazioni avverse.

«Le reazioni avverse riferite alla seconda dose sono riportate come più lievi e meno frequenti rispetto a quelle correlate alla prima dose»

(Corriere Delle Alpi)

Ne parlano anche altri giornali

Una motivazione che probabilmente non basterà a giustificare il rischio corso, quello di sprecare centinaia di dosi di vaccino Si sospettano corsie preferenziali, senza rispettare i criteri di priorità: gli insegnanti over 55 convocati e poi rimandati a casa diventano un caso. (Il Capoluogo)

Una soluzione più immediata alla penuria di vaccini non potrebbe essere vendere il brevetto e consentire ad altri, nei vari Stati, di produrli? 24 gennaio, AstraZeneca comunica a Bruxelles tagli del 60% nelle forniture di vaccino anti Covid per il primo trimestre. (il Giornale)

Il test è stato fatto solo su 200 persone, man mano che andranno avanti le sperimentazioni vedremo". Il titolo invece è stato: bloccano la somministrazione del vaccino Astrazeneca in Sud Africa. (Liberoquotidiano.it)

Vaccino Astrazeneca alle Forze dell'Ordine: si parte

Il vaccino anti-Covid di Astrazeneca (ChAdOx1 nCoV-19) sarà testato su bambini e adolescenti di età compresa tra i 6 e 17 anni. (Scienze Fanpage)

La Prefettura di Gorizia ha collaborato attivamente con il personale di ASUGI all’organizzazione delle sedute vaccinali. Chi deve sottoporsi a vaccino si deve presentare all’orario fissato per l’appuntamento presso la sede vaccinale (Centro prelievi dei relativi ospedali) con un documento di identità valido. (TriestePrima)

(LaPresse) – Gli stipendi dei dipendenti di Alitalia per il mese di febbraio verranno pagati in ritardo, come già successo a gennaio. Secondo quanto apprende LaPresse, sarebbe questo il punto principale emerso dall’incontro tra il commissario straordinario di Alitalia Giuseppe Leogrande e i sindacati del trasporto aereo (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr