Il rogo a Truncu reale, si indaga per incendio doloso aggravato

La Nuova Sardegna INTERNO

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A.

SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683. I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.

È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale

(La Nuova Sardegna)

La notizia riportata su altri giornali

Già dalle prime luci dell'alba la situazione appariva in netto miglioramento, con l'abbattimento della maggior parte dei fumi, presenti ormai solo all'interno degli edifici. È proseguito per tutta la notte il lavoro delle squadre dei vigili del fuoco del Comando di Sassari per domare gli ultimi focolai attivi a Truncu Reale, dove è divampato un rogo di immense proporzioni alla Gesam Srl, stabilimento per la differenziazione dei rifiuti. (L'Unione Sarda.it)

Per tutta la notte squadre dei vigili del fuoco del Comando di Sassari hanno operato per spegnere l’incendio che ha colpito l’azienda di trattamento dei rifiuti a Truncu Reale. (Sardegna Reporter)

(Unioneonline/v.l.) Già dalle prime luci dell'alba la situazione appariva in netto miglioramento, con l'abbattimento della maggior parte dei fumi, presenti ormai solo all'interno degli edifici. (L'Unione Sarda.it)

Dalle prime ore dell’alba la situazione sembra essere in netto miglioramento ma si attendono i dati per scongiurare del tutto l‘allarme diossina. Le operazioni di spegnimento e raffreddamento dei rifiuti bruciati continueranno ad andare avanti per tutta la giornata (SardiniaPost)

"Già dalle prime ore dell'alba la situazione appare in netto miglioramento, con l'abbattimento della maggior parte dei fumi, presenti ormai solo all'interno degli edifici. Per tutta la notte squadre di vigili del fuoco del Comando di Sassari hanno lavorato per spegnere gli ultimi focolai attivi sul sito di Truncu Reale, dove si è sviluppato un enorme incendio. (Olbiapuntoit)

Il sindaco di Sassari, Nanni Campus, si è recato sul posto insieme al comandante della Polizia locale, Gianni Serra, per coordinare la macchina della Protezione civile. «Sotto il profilo ambientale – ha detto – la situazione è preoccupante, nella struttura erano stipate tonnellate di plastica, e poi anche carta e alluminio. (Cronache Nuoresi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr