Toscana, Nardella: “Gestione FiPiLi deve diventare regionale”

Toscana, Nardella: “Gestione FiPiLi deve diventare regionale”
FirenzeToday INTERNO

E' stato sbloccato e - ha concluso Nardella - questo è sicuramente una gran bella cosa"

Superstrada che da mesi è interessata da lavori dopo un crollo all'altezza della Ginestra Fiorentina.

E questo è un problema, perché, secondo uno studio della società che gestisce la FiPiLi, servono 200 milioni nei prossimi 10 anni".

"Io condivido il programma di governo della Regione Toscana per la creazione della Società Toscana Strade, è una strada regionale deve essere gestita a livello regionale, superando quel modello che è nato molti anni fa" ha detto Nardella, ieri sera, in un'intervista alla Festa de L'Unità di Fiesole (FirenzeToday)

Ne parlano anche altri media

Fonte: Città Metropolitana di Firenze Qui e di seguito il video dell'ispezione. (gonews)

Firenze, 21 luglio 2021 - "Secondo me gli enti locali devono e possono spingere sull'uso del green pass. Io non escludo anche l'ipotesi di firmare ordinanze per consentire l'accesso a una serie di luoghi ai possessori di green pass, nel caso in cui la campagna di vaccinazione non dovesse procedere secondo le aspettative a causa di un numero eccessivo di no vax”. (LA NAZIONE)

Io non escludo anche l’ipotesi di firmare ordinanze per consentire l’accesso ad una serie di luoghi ai possessori di green pass, nel caso in cui la. campagna di vaccinazione non dovesse procedere secondo le aspettative, a causa di un numero eccesso di no vax. (FirenzeToday)

Il sindaco di Tunisi scrive a Nardella e Giani: «Siamo allo stremo, mandateci ossigeno e vaccini»

L’altro, che fra i due è quello più politically correct, fa finta di niente, non batte ciglio e non replica mai. Sì, un fratello, a cui però. Firenze, 20 luglio 2021 - Quando può gli manda una frecciatina. (LA NAZIONE)

Firenze, 22 luglio 2021 - Il Green pass che verrà (come e quando nello specifico ancora non è dato a sapere) imperla già di sudore parecchie fronti. (LA NAZIONE)

Gli ospedali del Paese nordafricano sono allo stremo, le terapie intensive piene e mancano farmaci, mascherine, ossigeno e vaccini. In virtù della “vecchia amicizia” tra le due città, ora Tunisi spera in una risposta veloce da parte di Nardella e Giani (Corriere Fiorentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr