Coronavirus, bollettino del 25 novembre: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Coronavirus, bollettino del 25 novembre: i numeri in Veneto e provincia di Venezia
VeneziaToday INTERNO

Casi di positività nelle province venete. Di seguito, il numero di persone attualmente positive in tutte le province venete e la variazione di casi rispetto alle 8 di mercoledì.

Il bollettino coronavirus di Azienda Zero di giovedì 25 novembre (dato riferito alle 8) mostra i dati aggiornati sulla diffusione dell'epidemia al Sars-Cov-2: si registrano 2.066 nuovi casi di contagio in Veneto.

Il maggior numero di nuovi contagi si registra a Treviso (+487), seguita da Venezia (+408)

Si registrano anche 19 persone ricoverate nell'ospedale di comunità di Noale (VeneziaToday)

Ne parlano anche altri giornali

I decessi sono 85 (ieri 83), per un totale di 133.415 vittime dall’inizio dell’epidemia. I guariti sono 7.558 (ieri 6.965) e sono ancora in rialzo gli attualmente positivi, che sono 159.317 (4.807 in più rispetto a ieri) (Zoom24.it)

Le persone testate sono finora 37.530.712, al netto di quanti tamponi abbiano fatto. IL BOLLETTINO DEL 24 NOVEMBRE I tamponi sono in tutto 116.019.095 - di cui 66.278.086 processati con test molecolare e 49.741.009 con test antigenico rapido -. (Sky Tg24)

L'azienda ospedaliera di Padova vede ricoverati 59 pazienti attualmente affetti da Coronavirus di cui 19 in terapia intensiva e 33 pazienti ricoverati all'ospedale Sant'Antonio. (PadovaOggi)

Zaia: «Il Veneto resta in zona bianca, ma il contagio Covid è inesorabile»

Di seguito vi proponiamo tutti i numeri aggiornati: Sportface.it vi propone i dati in tempo reale. (Sportface.it)

I nuovi casi sono stati individuati con 562.505 tamponi, il tasso positività è al 2,2%. Sono 49 gli ingressi in terapia intensiva in 24 ore, 573 i pazienti in totale (+13) in area critica. (Avvenire.it)

«Il Veneto continua ad essere zona bianca – commenta – ma la situazione delineata dal report quotidiano richiede una riflessione importante. Per il governatore Luca Zaia è quanto basta per far suonare l'allarme. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr