Bimba precipitata, il compagno della madre resta in carcere ma l’ipotesi ora è omicidio colposo

La Stampa INTERNO

Da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo.

“La lanciavo in aria, la buttavo e la prendevo, poi mi è scivolata” ha detto l’indagato al giudice Agostino Pasquariello.

Che nel provvedimento di convalida precisa: “Dalle risultanze investigative non si ricavano elementi che consentano di affermare una sia pur indiretta intenzione omicidiaria del prevenuto”

Sussistono però, secondo il giudice, le esigenze cautelari per trattenere l’uomo in carcere. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altre testate

Resta in carcere Azhar Mohssine, il marocchino di 32 anni fermato dalla polizia a Torino per la morte della piccola Fatima, la bimba di tre anni che giovedì sera è precipitata da un palazzo nel centro di Torino. (Leggo.it)

La piccola Fatima e il patrigno ora accusato di omicidio. Bimba morta giù dal balcone, le lacrime della soccorritrice: "Ho sentito le voci di un uomo e una donna, poi il tonfo". Ieri è stato sottoposto a fermo, indiziato di omicidio per dolo eventuale. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr