Oggi l'ordinanza di Speranza: come cambiano i colori per le regioni italiane

Udine Today ECONOMIA

C'è però la possibilità che anche la regione alpina torni in giallo: stando all'ordinanza firmata venerdì scorso dal ministro dovrebbero passare altri sette giorni, ma una deroga è possibile.

Solo la Valle d'Aosta è in bilico tra giallo e arancione, mentre Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise hanno un'incidenza di casi settimanali sotto la soglia di 50 per 100mila abitanti.

È prevista per oggi l'ordinanza del ministro della Salute Speranza: da lunedì tutta Italia diventerà "gialla", perché i numeri sono in miglioramento lungo tutto lo stivale. (Udine Today)

La notizia riportata su altri giornali

Le criticità evidenti nascono dalla scarsa adesione alla campagna da parte di certe categorie. Fedriga: "Solo così vinciamo. (UdineToday)

A marzo 2020 erano 125, a dicembre 2020 1.427 e a maggio 2021 solo 53". A marzo 2020 erano 152, a novembre 2020 603 e a maggio 2021 solo 1. (TriestePrima)

La Delegazione FAI di Taranto, ora che la Puglia è in fascia gialla, propone le aperture della Concattedrale Gran Madre di Dio a Taranto, del Santuario Mater Domini e cripta di Santa Domenica a Laterza, del palazzo Imperiali-Filotico di Manduria. (Tarantini Time)

A marzo 2020 abbiamo registrato 176 casi, a dicembre 2020 ben 949 e a maggio 2021 appena 10 casi". "Il Friuli Venezia Giulia ha 1.206.216 abitanti, di questi 1.073.953 ha più di 16 anni - ha ricordato il vicegovernatore - (Il Messaggero Veneto)

In Friuli Venezia Giulia piuttosto bene, secondo quanto riportano le statistiche Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare). Vanno ancora meglio l’Abruzzo (7.300 euro a ettaro vitato), la Puglia (7.477 euro), la Liguria (8.644 euro), il Veneto (9.949 euro), il Piemonte (altra terra di rossi eccezionali come Dolcetto, Barbaresco o Barolo) (10.019 euro), la Valle d’Aosta (11.488 euro) e il nostro Friuli Venezia Giulia (11.807 euro). (Il Piccolo)

La mappa del tasso di vaccinazione sulla popolazione in Friuli Venezia Giulia traccia l’andamento della campagna in regione che ora, da lunedì 17 maggio, apre anche ai quarantenni. «Purtroppo anche nella fascia di chi ha tra 50 e 59 anni – ha detto – abbiamo registrato un forte rallentamento dopo il boom della giornata iniziale con 27 mila adesioni. (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr