Il medico stratega, il capo carismatico e il jihadismo globale

Il Manifesto INTERNO

Il duo Bin Laden-Zawahiri, l'uomo immagine e la mente, dietro il boom della rete nata intorno alla resistenza mujahideen all'Urss con il sostegno della Cia.

Il medico stratega, il capo carismatico e il jihadismo globale. Alle origini di al Qaeda .

Dall'11 settembre 2001 alle necessità di appoggiarsi ai complici talebani e pakistani

(Il Manifesto)

Se ne è parlato anche su altre testate

Detto questo, l’eliminazione del leader del Terrore avrebbe dovuto essere accolta con esultanza dal mondo, invece ha suscitato qualche annoiato commento. Invece, stranamente, né attorno alla finestra, né sulle strutture pencolanti si intravede la benché minima traccia di sangue. (Piccole Note)

Aveva 13 anni Dmytro, era e faceva coppia con sua sorella Xenia, due anni più grande di lui. Kimbal Musk, 49 anni, due meno del fratello Elon Per rincarare la dose , Errol ha pure aggiunto: «Dopo aver visto le sue foto in costume, gli ho suggerito di fare qualcosa per dimagrire » (Corriere della Sera)

Sappiamo per certo che i velivoli della Cia e del Jsoc, suo gemello in operazioni, sono equipaggiati con sistemi di intercettazione delle comunicazioni telefoniche. Prima di aprile, le ali della Cia potrebbero aver ascoltato conversazioni telefoniche riservate fra membri di al-Qaeda disattenti alla sicurezza e vicini al leader, carpendo informazioni preziose. (Avvenire)

In questa fase sono venuti alla luce con chiarezza i punti di forza e le fragilità della politica estera condotta dall’Amministrazione Biden. Non è stato così e Biden lo ha rivendicato davanti all’opinione pubblica mondiale, raccontando di un blitz pianificato da sei mesi. (Corriere della Sera)

Un lavoro che i servizi segreti statunitensi hanno definito "attento, paziente e persistente" e che non si è mai fermato dal 2011, anno in cui fu ucciso il fondatore di Al Qaeda, Osama bin Laden. Il 1° luglio, Biden è stato informato su un'operazione proposta nella Situation Room della Casa Bianca da membri del suo gabinetto, incluso il direttore della CIA William Burn. (Fanpage.it)

È accaduto con Osama, con il Califfo al-Baghdadi e ora con Ayman al-Zawahiri ucciso da un drone Usa a Kabul alle 6.18 di domenica. Ora lo scettro potrebbe passare ad un altro egiziano, Seif al-Adel, un veterano della prima ora, molto esperto ma con un punto debole. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr