Coronavirus, sei nuovi contagi ma nessun decesso nelle ultime 24 ore

Coronavirus, sei nuovi contagi ma nessun decesso nelle ultime 24 ore
VicenzaToday VicenzaToday (Salute)

Play Replay Play Replay Pausa Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio Indietro di 10 secondi Avanti di 10 secondi Spot Attiva schermo intero Disattiva schermo intero Skip Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Ne parlano anche altre fonti

Banditi da New York Negli ultimi giorni la somma dei positivi in questi tre territori è stata pari alla metà del totale nazionale. Adesso è il governatore di New York, Andrew Cuomo, a bandire i viaggiatori provenienti da otto Stati, compresa la Florida (Corriere della Sera)

E mentre il Paese si prepara a uscire dal lockdown il 4 luglio, nella città delle Midlands negozi non essenziali, pub, ristoranti e parrucchieri resteranno chiusi per altre due settimane. A sei mesi dall'inizio dell'epidemia di COVID-19, l'Organizzazione mondiale della sanità avverte che il peggio deve ancora venire. (Notizie - MSN Italia)

In Cina, intanto, sono stati registrati a Pechino altri sette casi di Covid-19 a trasmissione domestica legati al focolaio partito dal mercato all'ingrosso Xinfadi. Dei 10 milioni e 145 mila contagi ben 2.548.996 sono stati scoperti negli Stati Uniti che si confermano come la nazione più colpita dalla pandemia. (La Stampa)

Situazione in remissione in Europa dove ora si discute la riapertura delle frontiere esterne, all’insegna della massima prudenza. Seguono India con 529 mila infetti, Regno Unito con 300 mila casi (e la città di Leicester a rischio lockdown dopo essere diventata un focolaio) e Spagna con 295 mila infezioni. (Il Fatto Quotidiano)

Il dato è stato registrato domenica 28 giugno dalla Johns Hopkins University, secondo i calcoli della quale il bilancio dei morti sfiora quota 500mila. Le persone guarite, sempre secondo la Johns Hopkins, sono finora 5.062.145. (Corriere della Sera)

I giocatori positivi, come da protocolli sanitari stabiliti da Canada e Stati Uniti, sono stati posti in isolamento e in quarantena obbligatoria. I governatori Usa fanno dietro front sulle riaperture di bar e ristoranti dopo l'impennata di contagi da coronavirus che ha colpito soprattutto il Sud degli Stati Uniti. (Metro)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr