AstraZeneca, Sileri: "Casi trombosi sembrano avere comune denominatore"

AstraZeneca, Sileri: Casi trombosi sembrano avere comune denominatore
Adnkronos SALUTE

Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, a Cartabianca risponde così alle domande sul vaccino AstraZeneca.

AstraZeneca è stato autorizzato il primo febbraio per gli under 55

Questo ha creato due binari paralleli: un vaccino per i giovani, due vaccini (Pfizer e Moderna, ndr) per i più anziani.

I casi di trombosi successivi alla somministrazione di vaccino AstraZeneca "sono pochi, ma sembrano avere un minimo comun denominatore: donne sotto i 60 anni". (Adnkronos)

Ne parlano anche altri media

In Germania i casi sospetti sono 31 su 2,7 milioni di vaccinati, in Gran Bretagna 30 su 18 milioni. Altri casi erano stati segnalati nelle settimane scorse, ma per tutti resta da accertare la correlazione fra trombosi e vaccino (Avvenire)

Terremo una conferenza stampa non appena il lavoro sarà terminato, domani (mercoledì, ndr) o giovedì». L’Ema direttamente è intervenuta dichiarando che «la commissione della farmacovigilanza che valuta il rischio (Prac) non ha ancora raggiunto una conclusione. (Gazzetta del Sud)

AstraZeneca ancora sotto esame

"I giovani -ha ricordato- sono stati vaccinati perché inizialmente AstraZeneca è stato autorizzato per le persone di età inferiore ai 55 anni. Potrebbe fare scuola la linea indicata della Germania, con la raccomandazione di somministrare il vaccino solo agli over 60 (Adnkronos)

esteri. L'Ema dovrà pronunciarsi in settimana sui nuovi allarmi in seguito ai rarissimi casi di trombosi venose cerebrali che si sono verificate in concomitanza con la somministrazione, in persone sotto i 60 anni (TG La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr