Emotet, il virus che punta le carte di credito tramite Chrome. Ecco perché bisogna fare attenzione

Emotet, il virus che punta le carte di credito tramite Chrome. Ecco perché bisogna fare attenzione
Centro Meteo italiano SCIENZA E TECNOLOGIA

Emotet, le rete botnet ora fa paura. Quando si naviga su internet il rischio è sempre dietro l’angolo.

Bisognerà quindi prestare particolare attenzione quando si decide di fare acquisti online per non rischiare di rimanere vittime di questi spiacevoli inconvenienti

Chrome, infatti, salva i dati delle carte quando facciamo un acquisto: non a caso all’acquisto successivo quei dati sono disponibili tramite il completamento automatico. (Centro Meteo italiano)

Ne parlano anche altre fonti

Emotet, una piaga per Chrome e le nostre carte di credito. La nuova evoluzione di Emotet si sta rivelando essere una vera piaga per la cybersecurity Ecco che a questo punto scatta il lavoro furtivo di Emotet che cerca di accedere a quei dati per rubare le informazioni relative alla nostra carta di credito. (InvestireOggi.it)

Facile immaginare l'entità dei rischi qualora si tratti di una carta di credito e non di una semplice prepagata Alla base del malware Emotet c'è un sistema di tipo "botnet", ovvero una rete di computer utilizzati all'insaputa dei loro proprietari. (ilGiornale.it)

Bisognerà quindi prestare ancora maggiore attenzione quando si decide di fare acquisti online per non rischiare di rimanere vittima di questi impostori A ogni aggiornamento del malware, però, arriva anche una brutta novità per gli utenti del web perché aumentano i pericoli. (Liberoquotidiano.it)

Azienda Zero cerca personale con varie qualifiche: garantiti un corso di formazione e possibilità di lavorare

Quei dati vengono salvati da Chrome, tanto è vero che all’acquisto successivo li troviamo disponibili tramite il completamento automatico. Per sicurezza Chrome li salva in forma crittografata, ma il virus è in grado di rubarli: numero della carta, nome e cognome del titolare, data di scadenza. (Libero Tecnologia)

Zeev Ben Porat, ricercatore scientifico presso CyberArkun, “i malintenzionati possono far caricare al browser in memoria tutte le password archiviate nel gestore delle password” Una volta riuscito nel suo compito, i dati vengono esfiltrati su server C2 differenti da quelli del loader. (Webnews.it)

Sono richiesti due nuovi dipendenti, rispettivamente, presso l’Azienda Ospedale Università Padova e presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona. Un altro posto è da impiegare presso la numero 7 di Pedemontana e altri 2 presso il numero 8 di Berica. (InformazioneOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr