Covid, la Commissione europea vuole altri vaccini: proseguono le trattative con NovaVax

Sputnik Italia ECONOMIA

Come funziona il vaccino di NovaVax. L’esecutivo europeo ha concluso a dicembre i colloqui esplorativi con NovaVax.

La compagnia americana ha sviluppato un vaccino contro il coronavirus con una tecnologia diversa dagli altri fino ad ora in circolazione in Europa che si basa sulle proteine.

Il vaccino è basato su una tecnologia diversa rispetto ai preparati che si trovano attualmente a disposizione delle campagne vaccinali in Europa. (Sputnik Italia)

Se ne è parlato anche su altri media

Inoltre, come confermato dall’azienda, il vaccino di CureVac non utilizza mRna modificato chimicamente, pertanto è possibile impiegare un dosaggio inferiore e la conservazione dovrà aggirarsi intorno alla temperatura di 5 gradi per almeno tre mesi L’accordo con la Commissione europea è già stato firmato, in Italia dovrebbero arrivare in totale quasi 30 milioni di dosi. (InSanitas.it)

I negoziati tra la Commissione Europea e le case farmaceutiche che producono i nuovi vaccini anti Covid sono attualmente in corso. Vaccino Covid: ecco NovaVax e il francese Valneva. Dopo che abbiamo abbondantemente parlato di CureVac, ora passiamo al vaccino Nvx-CoV2373 prodotto da NovaVax. (Tecnoandroid)

La gestione della Ue sui vaccini è stata finora superficiale e lacunosa. “Contratti con le case farmaceutiche poco trasparenti, confusione nell’approvvigionamento dei vaccini, ritardi nelle consegne da parte delle aziende. (La Pressa)

'Vaccini, perchè non si sa nulla su siero proteico (e sicuro) Novavax?'

L'antivirale. CureVac e Novavax sono i due nuovi puntelli su cui basare la nostra lotta al coronavirus a partire dall'estate. In fase tre è infatti entrato anche un farmaco antivirale, una normale pillola da prendere in caso di infezione. (la Repubblica)

Dopo l’approvazione da parte dell’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) dei preparati attualmente in uso nelle campagna vaccinali contro il coronavirus, ovvero Pfizer e Biontech, Moderna, AstraZeneca e il monodose Johnson & Johnson, è atteso il via libera per tre nuovi sieri. (QuiFinanza)

La presidente della Commissione Von der Leyen annuncia negoziati con Pfizer/BionTech per un terzo contratto, ma mancano informazioni su altri sieri che potrebbero essere approvati dall’Ema e permettere così una copertura più ampia e rapida della popolazione, come ad esempio il Novavax”. (La Pressa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr