L’Italia torna in Libia, il primo passo: riaprire l’aeroporto di Tripoli

L’Italia torna in Libia, il primo passo: riaprire l’aeroporto di Tripoli
Corriere della Sera INTERNO

«Noi siamo pronti, abbiamo il motore ben oliato, anche perché nel 2018 avevamo già iniziato a lavorare.

Quindi, entro dieci mesi di lavori intensi, saremo pronti a consegnare l’aeroporto funzionante, chiavi in mano», assicura Franci al Corriere

Entro tre settimane le autorità di Tripoli ci daranno la luce verde per accedere al sito, che deve essere bonificato dagli esplosivi.

iprende in grande stile il lavoro italiano in Libia (Corriere della Sera)

Su altre fonti

Oggi prima visita di stato all'estero per il premier Mario Draghi, accompagnato da Di Maio, che si reca in Libia per incontrare il Primo ministro Dabaiba. Di Maio infatti, è stato il primo diplomatico europeo ad incontrarlo nelle scorse settimane. (Sputnik Italia)

Guido Crosetto sulla visita di Mario Draghi in Libia: "L'Italia si muove per conto suo, obiettivo è cercare di diminuire influenza russa. (La7)

La Libia, infatti, è tornata a rimettersi in corsa in vista delle elezioni politiche in programma il prossimo dicembre. Altro obiettivo è quello di riaprire quanto prima l’aeroporto di Tripoli, devastato da due guerre (2014 e 2019-20) (Il Riformista)

Il Presidente Draghi in visita in Libia

A', SPORT, METEO, FOTO, VIDEO, NOTIZIE (MI-LORENTEGGIO.COM.)

I progetti nelle rinnovabili nell'economia circolare e nella formazione sono molti e sono stati discussi il 21 marzo tra il premier Dbeibah e Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni Ecco nel dettaglio i temi che saranno oggi sul tavolo del colloquio tra Draghi e Dbeibah. (Il Sole 24 ORE)

In cui con la forza del suo sistema l’Italia può e deve agire come fattore di equilibrio. Prossima tappa: il Vaticano. “Estero vicino” e “profondità strategica” per Roma significa innanzitutto guardare al Mediterraneo allargato. (InsideOver)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr