Cesena. Francesca Amadori licenziata alla vigilia dei 90 anni del nonno

Cesena. Francesca Amadori licenziata alla vigilia dei 90 anni del nonno
Per saperne di più:
Corriere Romagna ECONOMIA

Francesca Amadori licenziata dal gruppo fondato dal nonno Francesco non ci sta e medita di far causa all’azienda nella quale il padre Flavio è presidente.

Specialista nel settore avicolo, ha una quota di mercato intorno al 30% sul totale carni avicole in Italia e può contare sulla collaborazione di oltre 8.500 persone

Il Gruppo Amadori è uno principali leader nel settore agroalimentare italiano.

Così, a due giorni dal compleanno dei 90 anni di Nonno Francesco (famoso per lo spot “Parola di Francesco Amadori”, cavaliere del lavoro e premio Malatesta Novello, nato a Cesena il 15 gennaio 1932), si apre una “ferita” nella storia della famiglia. (Corriere Romagna)

Ne parlano anche altre testate

rancesca Amadori, nipote di Francesco, è stata licenziata dall'azienda di famiglia, leader in Italia nel settore avicolo. Francesca Amadori, 44 anni, ha lavorato nell'azienda di famiglia per quasi 20 anni. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

L’ex responsabile comunicazione ha deciso di dare battaglia e ha replicato che “nei 18 anni di attività lavorativa presso il Gruppo di famiglia, ho sempre operato in maniera eticamente corretta e nell’interesse dell’azienda, animata dal sentimento di attaccamento che da sempre mi lega all’impresa fondata da mio nonno Francesco”. (Sputnik Italia)

Francesca Amadori licenziata dall'azienda di famiglia: "Sempre fedele alla Amadori, impugnerò il licenziamento"

La Amadori è la seconda azienda avicola d'Italia fondata dall'89enne Francesco e dal fratello Arnaldo, morto nel 2017 all'età di 82 anni La nipote di Francesco Amadori, l'imprenditore avicolo noto in tv per il claim "Parola di Francesco Amadori", è stata licenziata dall'azienda cooperativa che porta il nome del nonno. (Tiscali Notizie)

Dopo l'uscita della notizia del provvedimento interno all'azienda, la diretta interessata spiega di aver ricevuto moltissime chiamate di solidarietà. (CesenaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr