Milano, terrorismo: da banda di falsari documenti a 15 terroristi

Milano, terrorismo: da banda di falsari documenti a 15 terroristi
Sky Tg24 INTERNO

Centrale smantellata. Per inquirenti e investigatori quella smantellata oggi è una delle più ampie centrali di documenti falsi mai scovate.

Il ceceno sarebbe stato a capo per anni di una centrale di documenti falsi smistati in tutta Europa.

Gli arrestati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla fabbricazione di documenti falsi e altri reati di falso

Sono sette cittadini dell'est europeo gravemente indiziati di far parte di un'organizzazione transnazionale dedita al traffico di documenti falsi. (Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri media

Ultimo aggiornamento: Venerdì 11 Giugno 2021, 10:27 C'è anche Turko Arsimekov, ceceno di 35 anni arrestato a Varese a novembre e legato a una persona in collegamento con Kujtimi Fejzulai, l'attentatore che a Vienna il 2 novembre ha ucciso 4 persone, tra i 7 destinatari di un'ordinanza in carcere nell'inchiesta della Digos e del pool antiterrorismo di Milano guidato da Alberto Nobili. (leggo.it)

Secondo le accuse avrebbero procurato migliaia di certificati falsi, anche per l'attentatore di Vienna del novembre scorso e per foreign fighter. Sette cittadini dell'est europeo sono gravemente indiziati, nell’ambito di un'indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo della Procura di Milano e condotta dalla Digos in sinergia con la Direzione Centrale Polizia di Prevenzione, di far parte di un'organizzazione transnazionale dedita al traffico di documenti falsi. (L'Unione Sarda.it)

Infine il ventenne è stato colpito e ucciso dalla polizia alle 20.09. Ad un certo punto gli investigatori austriaci si sono imbattuti nella banda specializzata nei documenti falsi. (MilanoToday.it)

Documenti falsi per i foreign fighters e legami con l’attentatore di Vienna, sette arresti

Le indagini, condotte dagli investigatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano hanno portato alla scoperta di oltre 100 video e foto raffiguranti bambini di età compresa tra i 2 e i 12 anni – nonché, in alcuni casi, neonati – coinvolti in atti sessuali con adulti, con altri minori e, talvolta, anche con animali. (LaPresse)

Sono accusati di aver procurato migliaia di documenti falsi, anche per terroristi e foreign fighters, sette cittadini dell’est europeo arrestati a Milano e in altre città della Lombardia. Tra loro, Turko Arsimekov (nella foto), ceceno di 35 anni arrestato a Varese a novembre e legato a una persona in collegamento con Kujtimi Fejzulai, l’attentatore che a Vienna il 2 novembre ha ucciso 4 persone. (Quotidiano.net)

L’operaziome, denominata «The Caucasian Job», nasce dagli approfondimenti avviati a seguito di un’operazione antiterrorismo condotta nel dicembre 2019 dalle autorità austriache su una possibile pianificazione di attentati in Europa ed ha permesso di evidenziare significativi collegamenti con circuiti del terrorismo internazionale di matrice religiosa e, in particolare, con Kujtimi Fejzulai, l’autore dell’attentato di Vienna del 2 novembre scorso, dove in una sparatoria vicino alla sinagoga rimasero uccise 4 persone Sono accusati di aver procurato migliaia di documenti falsi, anche per l’attentatore di Vienna del novembre scorso e per foreign fighters: arrestati dalla polizia, a Milano e in altre città della Lombardia, sette cittadini dell’Est europeo gravemente indiziati di far parte di un’organizzazione transnazionale dedita al traffico di documenti falsi. (Corriere Milano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr