Il blocco e la «finestra» (di 20 giorni) in cui le aziende potranno licenziare i dipendenti

Il blocco e la «finestra» (di 20 giorni) in cui le aziende potranno licenziare i dipendenti
Corriere della Sera ECONOMIA

Bene: il problema è che la conversione in legge del Sostegni bis molto probabilmente avverrà dopo il 30 giugno.

Se, per ipotesi, la conversione avvenisse il 20 luglio, nei 20 giorni tra il primo e il 20 luglio le aziende dell’industria che non usano la cassa ordinaria o straordinaria potranno licenziare.

Sembra sempre più probabile che in fase di conversione in legge il decreto Sostegni bis possa subire delle modifiche proprio sulla parte che riguarda lo sblocco dei licenziamenti. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altri media

Ciò ha spinto i giudici a considerare l’astensione dal lavoro per isolamento un’assenza ingiustificata e, dunque, una possibile causa di licenziamento. Il dipendente, consapevole della quarantena obbligatoria al rientro dalle ferie, può arrecare un grave pregiudizio economico al datore di lavoro e, pertanto, essere licenziato. (Money.it)

Quarantena dopo le ferie: si rischia il licenziamento?
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr