Concertone del 1° maggio, Fedez accusa la Rai: "Volevano censurarmi"

Concertone del 1° maggio, Fedez accusa la Rai: Volevano censurarmi
La Nuova Sardegna CULTURA E SPETTACOLO

La Rai smentisce, ma il rapper pubblica il video della telefonata in cui gli viene chiesto di 'desistere'.

Per tutta risposta, la Rai spiega che le dichiarazioni «sono state tagliate» e torna a respingere l' accusa.

La Rai smentisce la censura

«Ci aspettiamo parole di scuse dalla Rai» dice il segretario del Pd Enrico Letta che «ringrazia Fedez» per le «parole forti che condividiamo in pieno».

Torna il Concertone del 1 maggio ed esplode la polemica. (La Nuova Sardegna)

Su altre fonti

“Il caso Fedez rappresenta l’apice del fallimento targato Movimento 5 stelle nella gestione della Rai”. E’ autrice del documentario “Lo Sfizzicariello – storie di riscatto dal disagio mentale”, menzione speciale al Napoli Film Festival (Il Riformista)

Fedez risponde: “Posso salire sul palco e fare cose che per voi sono inopportune ma per me opportune? Ah sì?Poi interviene Ilaria Capitani: “Ritengo inopportuno il contesto”. (Calciomercato.com)

«In merito all'intervento di Fedez al Concerto del Primo Maggio, Rai3 ha spiegato di non aver mai censurato Fedez né altri artisti né di aver chiesto testi per una censura di qualsiasi tipo. Questo deve essere chiaro, senza equivoci e non accettiamo strumentalizzazioni che possano ledere la dignità aziendale e dei suoi dipendenti». (leggo.it)

La telefonata della Rai a Fedez, tentativo di censurare il monologo del 1° maggio: attacco alla Lega sul Ddl Zan [VIDEO]

Chi ascolta ha diritto di sapere oppure fa peccato? Enorme e corale gratitudine per Fedez, il cantante che ha denudato la politica esponendo le sue vergogne. (Il Fatto Quotidiano)

Fedez contro la Lega? Scrivono i componenti del gruppo sulla loro pagina Facebook: (Fanpage.it)

Qual è la parte incriminata che a voi non sta bene nel testo?”, l’interlocutore Rai risponde: “tutte le citazioni che lei fa, con nomi e cognomi, non possono essere citate“. (Stretto web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr