Norvegia, sciopero minaccia 60% delle esportazioni di gas - Italia-Mondo

Trentino ECONOMIA

- OSLO, 05 LUG - Uno sciopero dei lavoratori del settore petrolifero e del gas minaccia di tagliare le esportazioni di gas dalla Norvegia di quasi il 60 per cento: lo fa sapere il gruppo imprenditoriale Norwegian Oil and Gas Association, precisando di essere stato costretto a chiudere già tre giacimenti e che, se lo sciopero continuerà, le esportazioni di gas della Norvegia dovrebbero essere ridotte di oltre la metà entro sabato e di più di 340.000 barili di petrolio grezzo. (Trentino)

Ne parlano anche altri media

Questo è uno sviluppo che il principale consumatore della regione, la Germania, sta già considerando come possibile. Il gas scambia a 174 euro a megawattora a metà mattinata nell’indice olandese, riferimento europeo: il nuovo ed evidente balzo del prezzo aggiunge pressione a una situazione energetica sempre più difficile nel vecchio continente. (Money.it)

Panoramica di una piattaforma petrolifera di Equinor nel Mar del Nord, in Norvegia. Oslo è il secondo maggior fornitore di gas e petrolio dell'Unione europea, dopo la Russia (Investing.com Italia)

Martedì, c'è stato modesto miglioramento della situazione in Austria, dove il gruppo integrato di petrolio e gas Omv (VIE: ) ha affermato che la carenza da gas russo è scesa al 40% dal precedente 50%. Klaus-Dieter Maubach, CEO del gruppo energetico tedesco Uniper SE (ETR: ), ha affermato di "sperare" che la struttura sia operativa "prima della fine del prossimo inverno" (Investing.com Italia)

Giù anche il brent a 111 dollari (-0,2%). Tra i beni alimentari il grano tenero è in calo del 4,3% a 846 dollari per 5mila staia, e il grano duro scende del 4% a 913 dollari (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr