Il piano per il ritorno della zona gialla dal 20 aprile. Cosa riapre prima di maggio e perché per ora Draghi frena

Il piano per il ritorno della zona gialla dal 20 aprile. Cosa riapre prima di maggio e perché per ora Draghi frena
Today.it INTERNO

Non sarebbe certo il ripristino della zona gialla, ma questo costituirebbe almeno un piccolo segnale nei confronti degli aperturisti.

Attualmente ci sono nove regioni in zona rossa e undici in arancione, sono in vigore la sospensione della zona gialla e lo stop agli spostamenti tra regioni.

E per Draghi la data è "una forzatura". C'è un piano di parte della maggioranza per un calendario delle riaperture ad aprile. (Today.it)

La notizia riportata su altri media

Insomma, se ora si va lenti, non c’è nessuna garanzia che nei prossimi mesi si possa accelerare in maniera decisa. E se Draghi non vuole che la sua corsa s’inchiodi al primo ostacolo, si deve inventare qualcosa per arrivare a un cambio di passo su vaccini e riaperture (L'HuffPost)

Nonostante le pressioni delle Regioni, però, per il premier Mario Draghi sarebbe un discorso «molto prematuro», scrive La Stampa. L’ultimo decreto Covid ha esteso le restrizioni fino al 30 aprile, ma in questi giorni si sta discutendo l’ipotesi di anticipare il ritorno ai tre colori già dal 20. (Open)

“Un’opportunità che dobbiamo cogliere”, in particolare quella della transizione ecologica e digitale. (ITALPRESS) – “Molti si chiedono se questo Piano sia in continuità o meno con il precedente: è certamente in continuità in alcune aree dove la discontinuità non aveva nessun motivo di esserci, ed è in forte discontinuità in altre aree”. (ciociariaoggi.it)

Governo Draghi: i 9 decreti che rischiano di saltare senza la conversione in legge

Le parole di Pierpaolo Sileri. Lo si evince anche dalle voci che arrivano direttamente dal governo presieduto da Mario Draghi. Riaperture: dall’1 maggio servirà comunque un nuovo decreto. L’altra data da tenere ben presente è quella del 30 aprile. (Ultim'ora News)

Dal suo insediamento a Palazzo Chigi, il Governo di Mario Draghi ha emanato numerosi decreti per fronteggiare l’emergenza coronavirus: tutti, però, necessitano la conversione in legge entro il mese di maggio. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr