Covid: un terzo di casi in meno, siamo sotto alla soglia dei 500 decessi Un altro

Covid: un terzo di casi in meno, siamo sotto alla soglia dei 500 decessi Un altro
Notizie - MSN Italia ESTERI

Le Regioni, alcune sfiorano il -50%. In alcune Regioni il calo si avvicina al 50% mentre spunta la curiosità della Sardegna.

La riduzione percentuale è addirittura ancora più accentuata di quelle precedenti, malgrado i numeri assoluti siano in riduzione.

I morti sono stati quindi 477 in una settimana, contro gli 821 di quella precedente, quando si era finalmente scesi sotto la soglia dei mille

Sotto la soglia dei 500 morti. (Notizie - MSN Italia)

La notizia riportata su altre testate

“In questa settimana – comunica il Primo Cittadino – presso l’hub cittadino sono state somministrate 3455 dosi di vaccino. Le vaccinazioni procedono in modo spedito e i risultati sono sotto gli occhi di tutti” (The Monopoli Times)

Gli attualmente positivi sono 192.272, 3.097 in meno rispetto a ieri. La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. (Tutto Atalanta)

Non ce l’ha fatta un uomo del 1936 di Serravalle che si è spento ieri al San Jacopo. I 16 nuovi casi di contagio monitorati a domicilio sono così distribuiti nei vari comuni del territorio provinciale: 4 a Pistoia; 3 a Pieve a Nievole; 3 a Ponte Buggianese; 2 a Pescia; 1 a Monsummano; 1 a Montale; 1 a Serravalle; 1 a Uzzano. (LA NAZIONE)

Variante indiana, allarme in Gran Bretagna: boom di contagi, riaperture a rischio

Sono stati registrati 2.275 nuovi casi di positività al Coronavirus nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività risale quindi al 1,5% (ieri era all’1%). (https://www.irpiniatimes.it)

Calano ancora (-31% rispetto alla scorsa settimana) i contagi Covid, toccando il punto più basso dall’estate 2020, con soli 166 positivi sull’intera area carmagnolese. Ulteriore miglioramento della situazione relativa ai contagi Covid nell’area carmagnolese: con 166 positivi è il dato più basso dall’estate 2020. (Il carmagnolese)

L’allerta è legata alla diffusione della variante indiana, nota anche come variante Delta, altamente trasmissibile e che, secondo i funzionari della Public Health England (PHE), è diventata quella dominante, superando la variante inglese. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr