Attacco massiccio in Ucraina: infrastrutture energetiche nel mirino

Nella notte, l'Ucraina è stata teatro di un nuovo e massiccio attacco russo. Missili e droni si sono abbattuti su tutto il territorio, con Mosca che ha mirato principalmente alle infrastrutture energetiche. In totale, 80 ordigni sono stati lanciati su Odessa, Leopoli e Kyiv, la capitale ucraina, dove una centrale elettrica è stata distrutta.

Difesa aerea ucraina in azione

Le unità di difesa aerea ucraine hanno risposto prontamente all'offensiva, riuscendo a distruggere 16 dei 17 droni di tipo Shahed lanciati dalla Russia. Secondo quanto riferito dall'Aeronautica Militare di Kiev, i droni russi sono stati lanciati da Capo Chauda, in Crimea, e sono stati intercettati nelle oblast di Mykolaiv, Odessa, Kherson, Dnipropetrovsk, Vinnytsia e Khmelnytskyi.

Nuove armi russe in campo

La Russia ha intensificato la sua azione contro le centrali elettriche ucraine, utilizzando un missile guidato Kh-59, lanciato dall'oblast di Donetsk. Questo missile da crociera subsonico per aerei tattici, denominato Kh-69, rappresenta la nuova arma russa contro le centrali elettriche di Kiev.

Blackout in molte città

A seguito di una serie di raid russi, questa mattina 399 insediamenti sono rimasti senza elettricità. I blackout si sono verificati negli oblast di Dnipropetrovsk, Donetsk, Sumy, Kharkiv e Kherson, come ha reso noto la compagnia statale Ukrenergo. L'operatore ha chiesto di limitare l'uso degli apparecchi che consumano energia dalle 19 alle 21, per alleggerire un po' la rete.

Altri dettagli:
Ordina per: Data | Fonte | Titolo