Zucchero inizia il tour mondiale con un messaggio forte

Il noto bluesman italiano Zucchero ha recentemente debuttato alla Royal Albert Hall con il suo nuovo tour mondiale, "Overdose d'amore World Wild Tour". Durante un'intervista, ha espresso la sua posizione riguardo a esibizioni in certi paesi e ha condiviso i suoi piani futuri.

Il messaggio di Zucchero

Zucchero ha dichiarato che non si esibirà più in Russia, nonostante abbia iniziato a farlo nel 1990 con un concerto al Cremlino e abbia apprezzato il pubblico russo per la sua attenzione all'arte e alla cultura. Ha aggiunto che non accetterebbe inviti nemmeno da Netanyahu o Trump, sottolineando la sua posizione politica.

Il tour mondiale

Il tour di Zucchero, che ha avuto un inizio trionfale con tre serate sold out alla Royal Albert Hall di Londra, proseguirà in vari paesi tra cui Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Bulgaria, Stati Uniti, Canada, Francia, Monaco, Germania, Paesi Bassi, Austria, Slovacchia e altri ancora da definire. In Italia, sono previsti cinque eventi negli stadi, tra cui Udine, Bologna, Messina, Pescara e Milano.

La band di Zucchero

Ad accompagnare Zucchero sul palco ci sarà il coro gospel L J Singers e la sua fedele superband internazionale. Tra i membri della band ci sono Polo Jones, Kat Dyson, Peter Vettese, Mario Schilirò, Phil Mer, Nicola Peruch, Monica Mz Carter, James Thompson, Lazaro Amauri Oviedo Dilout, Carlos Minoso e Oma Jali.

Il futuro della carriera di Zucchero

Zucchero ha condiviso che i concerti gli danno vita e adrenalina. Ha detto che ama fare dischi, ma li paragona a un ritiro francescano. Pertanto, ha previsto che le esibizioni dal vivo saranno la parte più importante della sua carriera futura.

Ordina per: Data | Fonte | Titolo