L'eruzione del Cumbre Vieja alle Canarie vista dallo Spazio

L'eruzione del Cumbre Vieja alle Canarie vista dallo Spazio
Agenzia askanews ESTERI

Queste foto sono state elaborate a colori reali, utilizzando il canale infrarosso a onde corte per evidenziare il flusso del magna.

(askanews) – Nuove e dettagliatissime immagini satellitari, scattate il 10 ottobre 2021 dal satellite Copernicus Sentinel-2 dell’Esa, mostrano il nuovo fiume di lava eruttato dal vulcano Cumbre Vieja, sull’isola di La Palma, alle Canarie.

Lunedì 11 ottobre 2021 - 16:08. (Agenzia askanews)

Su altre fonti

La maggior parte di loro riesce a far visita ad amici o parenti in altre parti dell’isola, oa soggiornare in hotel. A seconda di come si evolve la situazione, le persone possono tornare a casa nei prossimi giorni per ritirare gli altri effetti personali, accompagnate dal personale di sicurezza. (CiSiamo.info)

Circa 6.700 persone sono state evacuate dalle loro case a La Palma, che ha una popolazione di circa 83.000 abitanti (Reuters-TV). Le autorità hanno affermato che la lava dell’eruzione iniziata il 19 settembre ha distrutto quasi 600 ettari di terreno. (Amantea online)

Un’altra delle colate laviche del vulcano ha raggiunto la costa in 9 giorni e ha formato un delta che secondo gli ultimi calcoli ha già una superficie di oltre 34 ettari, secondo El País. La riattivazione di una delle colate laviche del vulcano Cumbre Vieja ha portato il flusso di magma ad avvicinarsi a soli 300 metri dal mare, quindi, se dovesse raggiungere l’oceano, potrebbe creare un nuovo delta lavico. (MeteoWeb)

Eruzione Canarie: gli abitanti chiusi in casa possono uscire

Un fulmine fotografato durante l'eruzione del vulcano Sakurajima nel sud del Giappone nel gennaio 2016. Si stima che tra il 27 e il 35% delle eruzioni vulcaniche che si verificano nel mondo generino fulmini. (Ilmeteo.net)

Non si escludono però ulteriori stop temporanei o modifiche ai piani di volo a seconda di come evolverà l'eruzione La parte formatasi nel mare dopo il contatto tra il magma e la linea di costa avvenuto giorni fa ha un'estensione di circa 34 ettari. (La Nuova Sardegna)

L'aeroporto dell'isola è attualmente aperto, ma le emissioni di cenere e gas del vulcano possono complicare le operazioni e portare a cancellazioni o ritardi I responsabili del piano d'emergenza per l'eruzione hanno spiegato a più riprese che situazioni di questo tipo potrebbero ripresentarsi, data l'imprevedibilità del comportamento del vulcano. (tvsvizzera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr