Umbria, non si arresta la moria di imprese: "E l'effetto Covid deve ancora arrivare"

Umbria, non si arresta la moria di imprese: E l'effetto Covid deve ancora arrivare
PerugiaToday ECONOMIA

Anche prima del Covid il tessuto commerciale dei centri storici stava cambiando, a causa principalmente del cambiamento di modello dei consumi.

Fuori dal centro storico stesso trend: 577 imprese del comparto ricettività-ristorazione nel 2012, 593 nel 2018, 591 nel 2020.

Per alberghi e pubblici esercizi il futuro è totalmente privo di certezze, soprattutto nei centri storici delle città medie.

“Quella dei centri storici - sottolinea ancora Mencaroni - è una questione eccezionalmente rilevante perché si tratta di capire come vivremo nel futuro prossimo

el centro storico di Perugia si è passati dalle 349 imprese commerciali del 2012 alle 276 del 2018, per arrivare a 272 del 2020. (PerugiaToday)

Su altre testate

Leggi su romadailynews (Di mercoledì 24 febbraio 2021) Roma – “Gentile presidente Zingaretti, le scrivo a nome dell’intero Sistema diper l’Italia– Confederazione delle, delle Attivita’ Professionali e del Lavoro Autonomo, che ho l’onore di rappresentare. (Zazoom Blog)

LE INIZIATIVE TERRITORIALI. . AREZZO. La catena umana si svilupperà lungo tutto il Corso Italia, sarà composta da oltre 300 imprenditori del terziario divisi in 7 frazioni. (Maremmanews)

Occorre rispetto per il lavoro di oltre un milione di persone e per un'intera filiera che proprio in bar e ristoranti ha un fondamentale punto di riferimento. Chiediamo ai nostri imprenditori di applicare con rigore i protocolli sanitari e chiediamo alle Istituzioni controlli a tappeto perché tutti li rispettino. (BisceglieViva)

Firenze, il terziario si mobilita: imprenditori e lavoratori in piazza

Il nostro grido mai come ora è accorato: “Ora basta, fate lavorare in sicurezza le imprese” "È una responsabilità tanto più impegnativa, - dettaglia Patrignani - perché, dopo l’uscita dall’emergenza sanitaria, non tutto potrà tornare come prima, ha detto Draghi. (CesenaToday)

La protesta non è in presenza, al fine di restare coerenti ai messaggi istituzionali, è un grido di allarme rivolto a quanti possono e devono prendere decisioni per un'efficace e tempestiva azione risolutiva - spiegano da Confcommercio Savona - Tutti coloro che condividono, attraverso gli strumenti che riterranno opportuni, l’iniziativa contribuisce ad alzare il volume della protesta per far arrivare la voce di tutto il settore nelle modalità più efficaci possibili" (SavonaNews.it)

Una grande mobilitazione, organizzata da Confcommercio Toscana e Confesercenti Toscana, che coinvolgerà gli imprenditori del terziario di tutta la regione per 'reclamare una diversa gestione dell’emergenza, alternativa alle chiusure imposte dalle normative antiCovid'. (055firenze)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr