Tragedia a una festa ebraica, nella calca 44 morti e 150 feriti

Tragedia a una festa ebraica, nella calca 44 morti e 150 feriti
askanews ESTERI

“Enorme disastro a Mont Meron”, ha twittato durante la notte in ebraico, invitando la popolazione a “pregare per salvare i feriti”.

Gli sforzi dei soccorritori per accedere e liberare i feriti sono stati complicati dalla presenza di una folla compatta

Il quotidiano israeliano Haaretz ha anche menzionato 44 morti e decine di feriti, di cui sei in “condizioni critiche” e 18 in “condizioni gravi”.

(askanews) – E’ di almeno a 44 morti e decine di feriti il tragico bilancio della calca avvenuta ieri durante le celebrazioni delle festività ebraica Lag B’Omer, al Monte Meron, nel Nord di Israele, che aveva richiamato fra le 60.000 e la 100.000 persone. (askanews)

La notizia riportata su altre testate

Il pellegrinaggio sul monte Meron vicino alla tomba del Rabbi Shimon Bar Yochai è una tradizione ortodossa nella notte di Lag Ba’Omer, una festività religiosa situata tra Pesach e Shavuot; più precisamente il 33º giorno dell’Omer, ossia il 34º giorno a partire dalla prima sera di Pesach. (Mosaico-cem.it)

Molte delle vittime sarebbero morte schiacciate o calpestate da fedeli che cercavano di salvarsi scappando. È di almeno 44 morti e oltre 150 feriti - di cui una ventina in gravi condizioni - il bilancio dell’incidente avvenuto dopo mezzanotte nella calca di una celebrazione ebraica di Lag Ba’ Omer, ai piedi del monte Meron, nel nord-est di Israele (L'HuffPost)

Shimon bar Yochai e il figlio sono venerati cabbalisti, gli studi tra numerologia ed ebraismo si sono diffusi su queste montagne, il villaggio di Safed (non lontano da Meron) è uno dei luoghi sacri assieme a Gerusalemme, Hebron e Tiberiade. (Corriere della Sera)

Dramma in Israele, almeno 44 morti nella calca durante celebrazione ebraica: cos’è Lag Ba’Omer?

Lo riportano i media israeliani, citando fonti di soccorso e di sicurezza. E' di almeno 44 morti e oltre 100 feriti - di cui una ventina in gravi condizioni - il bilancio dell'incidente avvenuto dopo mezzanotte nella calca di una celebrazione religiosa sul monte Meron, in Galilea. (La Repubblica)

Secondo la tradizione, uno dei pochi discepoli di Rabbi Akiva sopravvissuto alla rivolta di Bar Kochva fu il rabbino Simeon, che morì nel giorno di Lag Ba’Omer. La strage di fedeli sul Monte Meron, 44 morti e 150 feriti, in Israele, si è verificata nel giorno della festività ebraica di Lag Ba’omer. (Il Riformista)

Come ogni anno, almeno 1000mila fedeli hanno partecipato alle celebrazioni (con tanto di concerto) sulle tombe dei personaggi succitati, pezzi di storia della religione ebraica. Frattanto, essendo l’unico giorno in un mese e mezzo di conta dell’Omer in cui non ci sono proibizioni, è un giorno in cui vengono celebrati moltissimi matrimoni (Periodico Italiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr