Ue: Gentiloni, con debito alto come Italia limitare spesa corrente

Ue: Gentiloni, con debito alto come Italia limitare spesa corrente
LaPresse INTERNO

Chiediamo quindi un’esecuzione prudente del bilancio al fine di limitare questa crescita, soprattutto quando, come l’Italia, è abbinata ad un alto livello del debito pubblico”.

(LaPresse) – “Accanto a questi sviluppi positivi, sottolineiamo anche che in alcuni casi la crescita della spesa corrente finanziata a livello nazionale è prevista per fornire un contributo considerevole alla politica di bilancio complessiva di sostegno nel 2022. (LaPresse)

Ne parlano anche altre fonti

'Questo non e' previsto essere sufficientemente assicurato dato che l'aumento della spesa primaria corrente finanziata a livello nazionale (al netto di nuove entrate) nel 2022 e' prevista fornire un contributo notevole all'orientamento fiscale espansivo. (Borsa Italiana)

Roma viene però richiamata a limitare la crescita della spesa pubblica corrente. L’Italia viene invitata a “monitorare regolarmente l’utilizzo, l’efficacia e l’adeguatezza delle misure di sostegno ed essere pronta ad adattarle, se necessario, alle circostanze che sopravvengono”. (Servizio Informazione Religiosa)

Forte debito, bassa crescita, esposizione a prestiti di cui si fatica a rientrare Per questo la Commissione «invita l'Italia ad adottare, nell'ambito del processo di bilancio nazionale, le misure necessarie per limitare la crescita della spesa corrente finanziata a livello nazionale». (La Stampa)

Economia: Gentiloni (Commissione Ue), "c'è la crescita ma anche forti turbolenze". Rischi da Covid, inflazione e mercati

"L'Italia - ha ricordato Gentiloni - è in buona forma in questa ripresa, sta affrontando bene la campagna di vaccinazione e abbiamo buone cifre per la crescita economica di quest'anno e dell'anno prossimo. (Tiscali.it)

(LaPresse) – La Commissione europea ha dato la propria valutazione positiva ai documenti di programmazione finanziaria dei vari paesi Ue. Per l’Italia la raccomandazione è di ridurre la spesa corrente finanziata, tra le più alte nell’Ue assieme a Lettonia e Lituania, e che supera il 3% del Pil (LaPresse)

(Foto SIR/Commissione europea). “L’economia europea è in forte crescita, ma è soggetta a forti turbolenze: il rapido aumento dei casi di Covid, l’impennata dell’inflazione e gli attuali problemi legati alla catena di approvvigionamento”. (Servizio Informazione Religiosa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr