Rinnovabili, Enel cresce nell'idroelettrico e acquista impianti da Erg

FIRSTonline ECONOMIA

“Grazie all’acquisizione di questi asset strategici – ha dichiarato subito dopo la firma dell’accordo Salvatore Bernabei, Ceo di Enel Green Power e responsabile della business line Global Power Generation di Enel – consolidiamo il nostro ruolo di leader della transizione energetica in Italia e facciamo un importante passo avanti nel raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione del Gruppo”. Il portafoglio di impianti che Enel acquisisce da Erg comprende 19 centrali idroelettriche, 7 micro-centrali idroelettriche, di cui 4 attualmente in sviluppo, 7 grandi dighe e 4 bacini situati in Umbria, Lazio e Marche per una capacità installata totale di 527 MW e una produzione media annua di circa 1,5 TWh. (FIRSTonline)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il portafoglio di asset di proprietà di Erg Hydro srl consta di un sistema integrato di produzione di energia idroelettrica che si estende fra Umbria, Lazio e Marche. (Bizjournal.it - Liguria)

Enel Produzione, controllata di Enel, ha firmato con ERG Power Generation (società interamente controllata da ERG) un accordo per l’acquisizione del’iintero capitale sociale di ERG Hydro, detenuto dalla stessa ERG Power Generation. (News Mondo)

A maggio si è impegnata a spendere 2,1 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per contribuire ad aggiungere 1,5 gigawatt di energia rinnovabile in Italia e all’estero. Enel ha dichiarato di aver accettato di pagare 1,039 miliardi di euro, conferendo alla fondazione beni preziosi, incluso il debito, per un valore di 1 miliardo di euro. (SanSeveroTV)

L'operazione, secondo il Manager, oltre a garantire una "corretta valorizzazione degli asset ceduti" consente "l'integrazione delle nostre persone all'interno di un primario gruppo energetico a livello globale con una presenza radicata in Italia" Lo si legge in una nota in cui viene indicato che l'operazione è stata effettuata attraverso la controllata Erg Power Generation. (Vivere Roma)

Un’immagine del logo della multinazionale italiana dell’energia Enel presso la sede di Milano, Italia, 5 febbraio 2020. REUTERS / Flavio Lo Scalzo / File Photo. (Generazione Scuola)

Credo sia opportuno che i comuni dei territori interessati predispongano un documento di lavoro che ci consenta di avviare un confronto con il nuovo gestore. Sono certo che la sensibilità di Enel ci consentirà di dare le risposte che i territori attendono da tempo. (Rietinvetrina)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr