Frecce tricolori, vignetta vergogna sul Fatto "Si salvi chi può"

Liberoquotidiano.it INTERNO

"In effetti, la svolta in guerra arrivò quando gli alleati consegnarono all'Ucraina i primi, temibili, jet da guerra", è il titolo della vignetta di Natangelo pubblicata sulla prima pagina de Il Fatto quotidiano di oggi 21 settembre. Nella illustrazione si vede poi un aereo delle Frecce tricolori in fiamme che sta precipitando e un padre con la sua bimba in braccio che cerca di scappare: "Argh! Si salvi chi può!", "sono le Frecce tricolori!". (Liberoquotidiano.it)

La notizia riportata su altri media

Per ora resta ricoverato nel reparto di rianimazione (diretto dalla dottoressa Simona Quaglia) solo per motivi precauzionali e di monitoraggio. (Corriere della Sera)

È stato sottoposto a un intervento programmato il piccolo rimasto coinvolto nell’incidente delle frecce Tricolori dopo che sabato scorso, a Caselle, nel Torinese, si è schiantato al suolo uno dei velivoli dell’Aeronautica, uccidendo Laura Origliasso, la sorellina di 5 anni. (LAPRESSE)

Il dodicenne, a quanto si apprende da fonti ospedaliere, resta in condizioni generali stabili ed è seguito dalle psicologhe cliniche. È stato sottoposto a un intervento chirurgico il dodicenne fratello di Laura Origliasso, la bimba di cinque anni morta nell’incidente che ha coinvolto un velivolo delle Frecce Tricolori, a Caselle Torinese (CronacaQui.it)

Andora. E' confermato lo spettacolo delle Frecce Tricolori ad Andora, previsto per domenica 8 ottobre. La decisione è stata presa oggi dallo Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare. (IVG.it)

Un velivolo delle Frecce Tricolori in fase di decollo è precipitato, coinvolgendo un'auto su cui viaggiavano papà, mamma, un ragazzino di 12 anni, tutti rimasti feriti, e una bimba di 5 anni che invece ha perso la vita. (Adnkronos)

E' una testimonianza diretta dello schianto del Pony 4 pilotato dal Maggiore Oscar Del Do quella di Angelo, 49enne leinicese che sabato pomeriggio era alla guida della sua Lancia Y e stava percorrendo proprio la strada che costeggia la pista dell'aeroporto, dietro alla Ford Fiesta della famiglia Origliasso. (Prima il Canavese)