Assalto alla sede della Cgil a Roma: 52enne genovese attivista no green pass agli arresti domiciliari

Assalto alla sede della Cgil a Roma: 52enne genovese attivista no green pass agli arresti domiciliari
Altri dettagli:
Genova24.it INTERNO

L’esecuzione della misura è stata fatta questa mattina dalla Digos di Genova su ordine della procura di Roma.

Per i restanti, anch’essi appartenenti movimenti sorti a seguito dell’emergenza pandemica, sono state disposte le misure cautelari dell’obbligo di dimora nel comune di residenza per attivista bolognese e della presentazione dinanzi alla Polizia Giudiziaria nei confronti di due romani.

C’è anche un manifestante genovese che partecipa ogni settimana alle proteste no green pass (ma non sarebbe tra gli organizzatori) tra i destinatari delle 5 misure cautelari per l’assalto alla sede della Cgil a Roma del 9 ottobre scorso. (Genova24.it)

La notizia riportata su altre testate

Le misure cautelari sono complessivamente cinque. Tra le persone raggiunte da misura anche il leader catanese di Forza Nuova Massimo Ursino (Open)

Una tesi complessa da sostenere oggi di fronte alle immagini della Cgil in macerie Ma di certo l’arringa pronunciata in piazza a Catania a sostegno dell’assalto alla Cgil ha aiutato non poco gli inquirenti a identificarlo. (La Repubblica)

C'è anche il vertice di Forza Nuova a Catania di Andrea Ossino. Per l'irruzione nella sede romana del sindacato sono stati già in carcere i neofascisti Fiore e Castellino. Assalto alla Cgil, cinque nuovi arresti. (Repubblica Roma)

Assalto alla Cgil: 5 nuove misure cautelari per la guerriglia del 9 ottobre

La manifestazione è degenerata nel momento in cui diversi esponenti di Forza Nuova presero la testa del corteo Bonanno Conti è stato tra i partecipanti al corteo tenutosi a Roma a ottobre per protestare contro il green pass e poi trasformatosi in un assalto alla sede nazionale della Cgil . (MeridioNews - Edizione Catania)

Ad incastrarli diversi video che li ritraevano assieme ad altre persone mentre facevano irruzione nei locali di corso Italia. (RomaToday)

Le altre misure riguardano due romani incensurati, sottoposti all’obbligo di firma e un bolognese per il quale il gip ha disposto l’obbligo di dimora Fra le persone finite ai domiciliari c’è Giuseppe Bonanno Conti, il leader catanese di Forza Nuova. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr