Per Piazza Affari finale di luglio bollente: 25 titoli del Ftse Mib al test conti 2° trimestre, possibile impennata della volatilità

Finanzaonline.com ECONOMIA

La raffica di trimestrali potrebbe portare una certa volatilità sui titoli alle prese con la prova dei conti del 2° trimestre.

Pieno di trimestrali giovedì 29 luglio: Amplifon, Azimut, Banca Mediolanum, Enel, ENI, Inwit, Leonardo, Mediobanca, Recordati, Saipem, Snam, Stmicroelectronics, Terna e Unicredit

Pietro Di Lorenzo, trader e fondatore di SOS Trader, rimarca come gli operatori continuino a scegliere la strategia “Buy on deps” interpretando ogni discesa come una opportunità di acquisto. (Finanzaonline.com)

Su altri giornali

In rialzo a 105,3 punti lo spread tra Brtp e Bund tedeschi, con il rendimento dei titoli decennali italiani in calo di 0,2 punti allo 0,615%. Segno meno per Campari (-0,8%) e Atlantia (+0,56%), insieme a Nexi (-0,68%), Exor (-0,62%) e Tim (-0,56%). (gazzettadimilano.it)

Al momento, quindi, l'appeal degli investitori è rivolto con più decisione arispetto all'indice di riferimento.Lo status tecnico di breve periodo dimette in risalto un ampliamento della performance positiva della curva con prima area di resistenza individuata a quota 7,81 Euro. (Teleborsa)

Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV4LSW0 con leva 10 volte e strike a 27383,115669 punti. La scorsa settimana è cominciata con forti discese per via dei timori per l’inflazione e per la variante delta. (Finanzaonline.com)

Una rottura di tale trendline con buoni volumi sarebbe di buon auspicio per un ritorno sui 26.000 punti. Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50 (Finanzaonline.com)

Contrastate Ferrari (+1%) e Stellantis (-0,2%), invariata Cnh - MILANO, 26 LUG - Piazza Affari azzera il calo dell'apertura e gira in territorio positivo nella prima mezz'ora di scambi, con l'indice Ftse Mib in rialzo dello 0,1% a 25.165 punti. (Tiscali.it)

A Piazza sono negative le banche, in scia alla decisione della Banca centrale europea di non estendere oltre settembre le restrizioni sul pagamento dei dividendi e sui buyback.Nessuna variazione significativa per l', che scambia sui valori della vigilia a 1,178. (Teleborsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr