Coronavirus e vaccini, l’Unione Europea non rinnova il contratto con Astrazeneca

Stretto web ECONOMIA

“Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno – ha sottolineato -.

Il vaccino molto interessante e molto buono, soprattutto per le condizioni logistiche e le temperature cui può essere conservato”

Vedremo cosa succederà.

9 Maggio 2021 14:12. Coronavirus e vaccini: l’Unione Europea non rinnova il contratto con Astrazeneca oltre la scadenza dell’attuale contratto, prevista alla fine di giugno. La Commissione Europea non ha rinnovato il suo contratto per il vaccino sviluppato da Astrazeneca oltre la scadenza dell’attuale contratto, prevista alla fine di giugno. (Stretto web)

La notizia riportata su altri media

A renderlo noto è stato il commissario al commercio interno europe Thierry Breton. “Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno – ha spiegato ai microfoni di France Inter-. Stop al vaccino anti Covid Astrazeneca (LuccaInDiretta)

Tuttavia, nel primo trimestre del 2021 ne sono state distribuite solo 30 milioni e nel secondo trimestre ne sono attese 70 milioni invece dei 180 promessi Ieri la Commissione ha annunciato che l’Unione Europea acquisterà fino a 1,8 miliardi di dosi in più del vaccino da Pfizer/BioNTech. (Il Riformista)

Il vaccino AstraZeneca può infatti essere tenuto in normali frigoriferi, con temperature superiori ai 2 gradi Celsius. Il post della Regione Lazio. Approfondisci:. Vaccino Moderna, l’azienda annuncia l’efficacia del richiamo sulle varianti brasiliana e sudafricana. (Thesocialpost.it)

Lunedì molte scuole nei paesi più critici riapriranno: anche nelle zone come Matino, paese con 10 piccoli contagiati, riaprirà l’asilo, ma due scuole resteranno chiuse. 44.338 sono i casi attualmente positivi (Corriere Salentino)

We will continue exporting vaccines, because vaccination is the lasting way out of this global pandemic. Tuttavia il vaccino AstraZeneca - ha specificato - resta “valido ed efficace” , parole che di certo non danno indizi sui motivi della scelta da parte dell’Ue, ma che dipingono i tratti di una questione che sembra destinata a far discutere molto nei prossimi giorni (Money.it)

«Gli standard di salute e sicurezza - ha concluso Breton - sono poi assolutamente fondamentali per programmare i viaggi Ora, ha sottolineato tuttavia Breton, «abbiamo iniziato con Pfizer a lavorare con la seconda fase e i vaccini di seconda generazione». (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr